Rail Wars!, l'anime diventerà un videogame

Nuovo adattamento in arrivo per “Rail Wars”, che diventerà presto un videogame!

E’ in arrivo un nuovo videogame ispirato all’anime in uscita “Rail Wars”, a sua volta ispirato alla light novel “Rail Wars! Nihon Kokuy? Tetsud? K?antai” (Rail Wars! Japanese National Railways Security Force), ad opera di Takumi Toyoda. Proprio nei giorni scorsi il game developer Mages ha annunciato che è in cantiere la realizzazione di un adattamento videogame, adattamento che sarà realizzato in collaborazione con lo studio 5pb. Secondo le prime indiscrezioni, pare che si tratterà di un gioco di avventura in modalità one-player, ma per il momento non sono stati forniti molti altri dettagli in merito a questo progetto.

Come dicevamo, alla famosa serie light novel giapponese, lanciata nel 2012 da Takumi Toyoda, con le illustrazioni di Vania 600, si ispirerà anche la realizzazione di una serie animata, serie che sarà trasmessa in Giappone a partire da quest’estate.

Ma detto questo, per chi non la conoscesse, ecco qual è la trama della light novel originale!

Rail Wars, la trama della serie

Rail Wars

La light novel “Rail Wars” è ambientata in un mondo parallelo in cui il Giappone non ha privatizzato il sistema di trasporti ferroviari. Protagonista della serie è Naohito Takayama, uno studente delle scuole superiori che sogna di lavorare presso le Japanese National Railways. Il nostro protagonista viene selezionato insieme ad altri tre allievi per entrare a far parte delle Railways Security Force, e scoprirà l’esistenza di un gruppo di nome RJ, che mira a privatizzare la Japanese National Railways.

Per il momento è tutto, per cui non ci rimane che attendere ulteriori dettagli in merito al nuovo videogame in arrivo!

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

via | ANN

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.