La Città Incantata di Hayao Miyazaki, Lucky Red riporta il film al cinema!

La Lucky Red sta facendo molto bene a recuperare e riadattare i capolavori del maestro Hayao Miyazaki e, con un evento speciale, la casa di produzione cinematografica italiana riporta il film nelle sale!

Segnatevi sul calendario le date che andrò presto ad elencarvi perché, sin da oggi, dovete cercare di non avere impegni per la fine di giugno: come ho anticipato, la Lucky Red riporta La Città Incanantata di Hayao Miyazaki nelle sale cinematografiche italiane, dotandola qui di un nuovo doppiaggio preso direttamente dalla versione originale dell'opera del maestro giapponese! Il 25, 26 e 27 giugno, la Lucky Red redistribuirà La Città Incantata nelle sale cinematografiche italiane anche se, al momento, non sappiamo dirvi con precisione in quale delle tantissime sale italiane sarà proiettato (ma vi promettiamo di aggiornarvi appena ne sapremo di più). Continua quindi l'opera di riproposizione delle opere di Miyazaki da parte della Lucky Red che, recentemente, ha riportato al cinema La Principessa Mononoke con un nuovo doppiaggio che, a quanto leggo, non è piaciuto molto ai fan della pellicola (che erano abituati al doppiaggio preso dalla versione americana, se non ricordo male). Sarà così anche per La Città Incantata? Intanto ripercorriamo un po' la storia della pellicola e la trama di questo pluripremiato prodotto di Miyazaki...

La Città Incantata: un film da Oscar!

La-Città-Incantanta-Hayao-Miyazaki-Cinema-Poster-Lucky-Red

La città incantata (Sen to Chihiro no kamikakushi) è stato il primo film di Hayao Miyazaki a vincere un Oscar (nel 2003) e, nonostante avesse tutto il diritto di ritirare la prestigiosa statuetta placcata d'oro a 24 carati, il regista giapponese si presentà alla lunga notte degli Oscar perché non voleva visitare una nazione (gli Stati Uniti d'America) che "stava bombardando l'Iraq". Miyazaki è sempre stato un uomo molto saldo nelle sue posizioni e questo, piaccia o non piaccia, fa parte del personaggio tanto quanto il valore che hanno assunto le sue opere nel corso degli anni. Ma La Città Incantata ha portato tantissimi altri premi nella bacheca dello Studio Ghibli: un Orso d'Oro (premio del Festival del Cinema di Berlino), quattro Annie Award (uno dei riconoscimenti più importanti per gli animatori internazionali), un Film Critics Circle of Australia Award e tutta una serie di premi "minori" che hanno fatto si che il film fosse inserito tra le pellicole più importanti dell'annata 2002/2003...insomma, mica spiccioli!

Ma di che parla La Città Incantata? Per i pochi che ancora non hanno visto il film, andrò qui a fare un piccolissima sinossi, partendo da quella che è la protagonista assoluta delle vicende: la piccola Chihiro. Bambina straviziata, pigra e svogliata, Chihiro sarà costretta a traslocare dalla sua vecchia abitazione insieme ai suoi genitori, lasciando dietro di se tutti i legami e i piccoli vezzi quotidiani che aveva quando si trovava nella vecchia casa. Ma quando i genitori di Chihiro imboccano una strada sbagliata per arrivare alla loro nuova casa, ecco che la bambina viene trasportata in un mondo fantastico e crudele allo stesso tempo, dove gli uomini hanno ben poche speranze di sopravvivere se non si sottomettono alle rigide regole della strega Yubaba, che trasforma il padre e la madre della piccola in...maiali!

La Città Incantata è un film che va visto e non raccontato e, se avete qualche ora di tempo, vi consiglio caldamente di colmare questa lacuna andando in una delle sale dove sarà proiettata la pellicola...sono sicuro che ne varrà la pena! Concludo sperando che la Lucky Red, con questo nuovo doppiaggio, prosegua nel lavoro (da me molto gradito) di riadattare le opere di Miyazaki seguendo alla fedeltà le versioni giapponesi dei lavori del maestro.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.