Tamayura, uscirà una nuova serie di animazione?

Tamayura avrà una terza serie di animazione?

Il sito ufficiale dell'animazione Tamayura e relativo franchise hanno comunicato che durante il "Tamayura Matsuri 2014", evento che si terrà nel mese di agosto, verrà dato un annuncio molto importante. Tale evento si svolgerà a Tokyo all' Hibiya Kõkaidõ hall il 3 agosto e i sei membri principali del cast delle serie di animazione saranno presenti. Si preannuncia dunque una nuova serie di animazione?

esistenti due precedenti serie di animazione: la prima andata in onda nel 2011, in 12 episodi, la seconda, dal titolo Tamayura: More Aggressive trasmessa dalla rete nipponica Tokyo MX da luglio a settembre del 2013, sempre in 12 puntate.

Per coloro che non conoscessero ancora la trama:

Yu Sawatari è la protagonista

, la fanciulla vive a Takehara, Hiroshima, paese natio del padre ormai scomparso. Fu inizia il primo anno delle scuole superiori e fa immediatamente amicizia con Maon Sakurada e Norie Okazaki, oltre a reincontrare Kaoru Hanawa, sua amica d’infanzia. La giovane ama moltissimo riscoprire la città in cui non tornava da anni, e fare delle fotografie con la vecchia Rollei 35S lasciatale dal padre. Nella prima serie seguiamo quindi la sua vita passo passo mentre, nella seconda serie, la giovinetta, sempre molto appassionata di fotografia, tenta di fondare un club nella propria scuola.

Le serie di animazione sono estremamente curate e ci raccontano un po' del Giappone nei piccoli paesini: le strade commerciali principali, i negozietti, le persone che si conoscono tutte...
Ovviamente il tutto è studiato ad hoc per riportare alla memoria i ricordi che siano essi felici o malinconici.

Attendiamo quindi maggiori informazioni ad agosto: resto speranzosa!

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.