Bakumatsu Rock, animazioni estive 2014 prima impressione

Bakumatsu Rock è sostanzialmente una pugnalata al cuore.

Bakumatsu Rock pensa bene di esordire con la scritta "periodo Tokugawa" e passare immediatamente ad un gruppo di idol che si esibisce su un palco, con tanto di vendita di gadget al termine del concerto.

Se l'intento è prendere in giro gli idol, la serie riesce egregiamente, dipingendoli come tonti senza alcun talento, solo molto scanzonati ma con la testa perennemente in aria. Personalmente sono sfavorevole a questo genere di immagine, apprezzando molto il mondo idol nipponico.

Vediamo un po' di conoscere il protagonista e le sue malefatte

come musicista e cantante. Ry?ma Sakamoto arriva da Tosa nella capitale: è stato dotato di una chitarra per suonare il rock dato che un bizzarro individuo, vedendolo sugli scogli mentre cantava a squarciagola, gli ha comunicato che, a parer suo, ha un grande talento vocale.

Il giovinotto si è dunque recato nella grande città per cantare, far conoscere le sue canzoni e la sua musica. Peccato che in questa era di grandissime restrizioni, le canzoni debbano essere approvate dal governo e naturalmente il giovane viene colto sul fatto. Sta per scoppiare una specie di rissa quando per placare le acque il giovane si esibisce con grande stupore di tutti.

Ovviamente il governo viene immediatamente informato di questo strappo alle regole e addirittura lo shogun si mette alla ricerca di questo ragazzo scapestrato: tutte le più alte cariche vengono tirate in ballo, al fine di debellare la diffusione di questo nuovo e diabolico genere musicale chiamato rock!

Sul finale il caro Ry?ma Sakamoto ha già iniziato a formare il suo gruppo musicale ed è decisissimo a proseguire nella diffusione delle sue canzoni.

Non so esattamente come classificare questa serie di animazione: a chi può piacere? Quanto si è disposti a tollerare per ascoltare una singola canzone accettabile? E per quanto riguarda il protagonista: non era possibile creare una figura magari meno muscolosa ma con un po' più di cervello e che riuscisse a parlare in maniera più articolata senza mangiarsi le parole? Dai, gli idol non sono così e questa serie non mi fa nemmeno ridere!

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.