Billy Bat, di nuovo in pausa il seinen di Naoki Urasawa

Questa notizia non stupirà i lettori più attenti: il seinen storico Billy Bat di Naoki Urasawa va in pausa. Un'altra volta.

E' arrivata l'estate, tempo di ferie, dunque probabilmente non stupirà nessuno questa notizia: Billy Bat di Naoki Urasawa va di nuovo in pausa. Ebbene sì, se vi ricordate a febbraio 2014 avevamo dato la notizia che Billy Bat era andato in pausa, salvo poi risollevare il morale dei lettori a maggio quando il seinen aveva fatto la sua ricomparsa. Il che se stiamo a guardare bene era assai sospetto: l'anno scorso Billy Bat era andato in pausa a maggio, strano dunque che quest'anno sia ricomparso proprio a ridosso dell'inizio delle vacanze estive. Ma ecco spiegato l'arcano: Billy Bat è ritornato a maggio, solo per andare nuovamente in pausa a luglio.

A dare la notizia ci ha pensato il 33esimo numero di quest'anno della rivista Morning di kodansha, la quale ha annunciato ufficialmente che il seinen storico Billy Bat di Naoki Urasawa andrà in pausa almeno fino ad ottobre, per ricominciare poi le pubblicazioni bimestrali.

Storia di Billy Bat


Billy Bat

Billy Bat nasce come un seinen storico/psicologico/sovrannaturale/mystery. Scritto da Takashi Nagasaki e Naoki Urasawa e disegnato solamente da Naoki Urasawa, la sua pubblicazione inizia nel 2008 sulla rivista Morning di Kodansha. Attualmente sono stati realizzati 14 tankobon (il 15esimo dovrebbe uscire in Giappone nel mese di settembre 2014): la serie è ancora in corso d'opera, ma come abbiamo visto fa spesso e volentieri delle pause, soprattutto d'estate. Billy Bat non è ancora arrivata nei paesi di lingua inglese, mentre in Italia viene pubblicata da GP Publishing, non ha titoli alternativi e non vanta ancora serie collaterali.

La trama di Billy Bat di Takashi Nagasaki e Naoki Urasawaè una sorta di fumetto nel fumetto. Il vero protagonista della serie è un artista giapponese-americano di nome Kevin Yamagata il quale disegna la serie Billy Bat per la casa editrice Marble Comics. Due detective del mondo reale, che assomigliano in maniera sospetta a Stanlio e Ollio in versione Dick Tracy (quindi con trench e abiti d'epoca), bussano alla porta della stanza di Kevin per poter iniziare la sorveglianza di una stanza vicina a quella del nostro protagonista.

Uno dei due detective, il magro "Stanlio", incuriosito, comincia a leggere il lavoro di Kevin e si scopre che è in realtà un fan sfegatato di Billy Bat. L'altro detective, "Ollio", decide anche lui di osservare una pagina del fumetto e sostiene da subito che i personaggi abbiano un'aria stranamente famigliare, finendo per accusare il povero Kevin di aver tradotto un vecchio fumetto giapponese. Ma non appena "Ollio" ricorda il fumetto al quale Kevin si starebbe illecitamente ispirando, ecco che facciamo un salto nel tempo nella Tokyo del 1949... sì, la serie è alquanto surreale.

Via | AnimeNewsNetwork

Foto | Mangareader

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.