Nakuaden, il fumetto finirà a Settembre

Giunge al termine la serie a fumetti Nakuaden (NaQaden).

Il fumetto Nakuaden (NaQaden) ad opera di Yasunori Mitsunaga, giungerà presto al temine. L’annuncio è stato lanciato attraverso le pagine della rivista Monthly Shonen Sirius magazine, di casa Kodansha, dove è stato annunciato che il fumetto terminerà proprio sulle pagine del prossimo numero della rivista, in uscita in Giappone il 26 Settembre. Per chi non lo sapesse, la serie è stata pubblicata a partire dal 2012, ed attualmente conta la pubblicazione di cinque volumetti, di cui l’ultimo è uscito lo scorso Giugno.

Questa non è la sola serie a fumetti di successo sfornata da Mitsunaga. Il mangaka è infatti noto soprattutto per la pubblicazione della sua Princess Resurrection (Kaibutsu Oujo), serie horror comedy pubblicata sulla rivista Monthly Sh?nen Sirius della Kodansha, ed adattata in una versione anime tv ed in una serie OAV. Il fumetto è giunto al termine lo scorso anno, dopo la pubblicazione di ben venti volumetti.

Ma tornando al fumetto NaQaden, ecco qual è la trama della serie che sta ormai per chiudere i battenti.

NaQaden, la trama della serie

NaQaden

La serie a fumetti ad opera di Yasunori Mitsunaga è ambientata in un mondo che viene invaso da antiche presenze sovrannaturali giapponesi, ovvero dei "Kojin", che provocano delle vere e proprie catastrofi. Protagonista della serie è il giovane studente delle scuole superiori Taro Kanda, che insieme all’essere divino Nakua, combatte con tutte le sue forze contro gli invasori.

Attualmente Mitsunaga è impegnato nella realizzazione di un’altra serie dal titolo Hitsugi Tantei D&W (Kantantei D & W), pubblicata sulle pagine della rivista Monthly Young King magazine di casa Shonengahosha.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

via | ANN

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.