Zerocalcare, Dimentica il mio nome manda in tilt i server della Bao Publishing

Proprio ieri, sulle pagine del suo blog ufficiale, Michele "Zerocalcare" Rech ha informato i suoi lettori circa la possibilità di preordinare Dimentica il mio nome, nuovo graphic novel dell'artista romano.

Ma quello che il buon Zerocalcare non poteva sapere è che, nel giro di qualche ora, i server della Bao Publishing sono andati letteralmente in down...perché? Ma ovvio: per via dei tantissimi accessi che il sito ufficiale della casa editrice meneghina ha dovuto registrare in quelle ore che possiamo definire "di fuoco"! In tanti aspettavano che si potesse preordinare una copia di Dimentica il mio nome sullo store ufficiale della Bao Publishing e, ingolositi soprattutto dalla variant cover in edizione limitata che Zerocalcare ha realizzato insieme a Gipi, i lettori si sono letteralmente fiondati sulla pagina dello shop, che non è riuscito a contenere un afflusso così massiccio di visitatori. Un successo preannunciato, questo di Dimentica il mio nome, che viene qui impreziosito dalla pubblicazione, da parte di Zerocalcare, dell'anteprima ufficiale del fumetto sulle pagine del suo blog. Anteprima che ci serve qui per parlare un po' di Dimentica il mio nome e di cosa dovremo aspettarci dal nuovo lavoro del fumettista romano.

Dimentica il mio nome: una storia molto personale

Zerocalcare-Dimentica-il-mio-nome-Cover-Gipi-Preview

Cosa hanno in comune La Profezia dell'Armadillo, Un Polpo alla Gola e Dodici? Se ci riflettete un po', anche se con diverse sfaccettature, nei lavori precedenti a Dimentica il mio nome, Zerocalcare ha sempre dato un peso molto importante alla morte, che sia quella di una ragazza anoressica, di un'anziana maestra delle elementari o dell'intero pianeta (con particolare attenzione a Rebibbia) trasformato in morti viventi. Quando leggemmo le prime pagine di Dimentica il mio nome che Zerocalcare aveva pubblicato nella piccola anteprima riservata sul suo blog ufficiale, tutti pensavamo che quello della nonna fosse un singolo episodio tra i tanti che l'autore avrebbe trattato nel graphic novel. E invece pare proprio che sarà la morte di Huguette una delle tematiche portanti di Dimentica il mio nome dove, con la sua solita sensibilità, Zerocalcare tratterà approfonditamente quello che lui ha chiamato "un pezzo dell'anima mia".

Come al solito, Michele ha tenuto a precisare che lui non ha il "sacro fuoco della scrittura" e che disegna perché gli va e perché deve pagare le bollette. Una cosa saggia e molto intelligente da parte di Zerocalcare, che cerca qui di farci capire che lui è una persona come tutti e non un autore motivato da nobili intenti o da grandi tematiche di riscatto sociale e culturale. Semplicemente, Michele (e spero sempre che non si arrabbi se lo chiamo per nome) è un trentenne come me e come tanti altri, che fa quello che leggiamo solo perché gli va e perché deve camparsi. Per alcuni questa può considerarsi una fortuna, ma il fatto stesso che Zerocalcare ce lo ripeta ogni volta mi fa capire che per lui il successo editoriale non è una medaglia da appuntarsi al petto.

Intanto vi invito a guardare le nuove pagine dell'anteprima di Dimentica il mio nome che trovate proprio qui in basso mentre, di corredo all'articolo, trovate l'intervista all'autore che Riot Van ha realizzato per l'uscita di Un Polpo alla Gola.

via | Zerocalcare Official Blog

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.