Charles Soule, l'autore firma un contratto in esclusiva con la Marvel

Charles Soule è sicuramente uno degli autori più prolifici degli ultimi anni: sempre impegnato in progetti che lo vedono coinvolto sia in Marvel che in DC Comics, Soule sembra aver scelto ieri con quale azienda schierarsi...o almeno, così dovrebbe essere!

Dico dovrebbe perché, dopo che USA Today ha rivelato che l'autore ha firmato un contratto in esclusiva con la Marvel, si sono susseguite una serie di dichiarazioni che hanno mandato nel pallone tutti i lettori che seguono con passione le testate scritte da Charles Soule in DC Comics. Si perché, fino a quando la DC Comics non ha chiarito che Soule avrebbe firmato le testate che sta seguendo fino a marzo del 2015, i lettori avevano subito pensato che l'autore avrebbe pubblicato le sue ultime storie a novembre del 2014, lasciando in sospeso parecchie delle storyline imbastite su testate importanti quali Red Lanterns e Swamp Thing. Per fortuna (o per contratto), Soule avrà tempo fino a marzo del 2015 per concludere tutto il lavoro arretrato che ha lasciato in DC Comics e, già da ottobre, l'autore avrà depennato dalla lista dei suoi impegni Superman/Wonder Woman, terminando qui la sua lunga run proprio nel periodo clou di Futures Ends. Ma perché Soule ha deciso di firmare un contratto in esclusiva con la Marvel? L'autore ha snobbato la DC Comics per qualche motivo ben preciso oppure c'è dell'altro?

Charles Soule: un nomade da otto testate al mese!

Charles-Soule-Foto-Seth-Kushner

Dopo che le voci circa la firma di un contratto in esclusiva con la Marvel si sono sparse in giro per il web, Charles Soule ha deciso di intervenire personalmente sul suo blog ufficiale per chiarire, una volta per tutte, quali sono stati i motivi che l'hanno spinto ad accettare la proposta della Marvel. Dopo aver ricordato che il primo numero di The Death of Wolverine sarà pubblicato proprio mentre noi stiamo leggendo le sue dichiarazioni, Soule dice ai lettori e agli addetti ai lavori che l'aver firmato per la Marvel è sicuramente un suo affare e che, nonostante tutti vogliano sapere perché questo ha preferito la "Casa delle Idee" alla DC Comics, la sua scelta rimane personale. Fermo restando che è giusto non indagare oltre sul perché Soule ha deciso di preferire la Marvel alla DC Comics, è qui importante leggere quello che l'autore vuole comunicarci circa il carico di lavoro che assumerà da ora in poi: visto che era arrivato a scrivere ben otto testate al mese (riuscendoci), Soule vuole qui staccare un po' la spina per vedere cosa riesce a produrre con meno storyline sul groppone. Immagino che non sarà stato per niente facile seguire otto testate diverse tutte insieme e Soule, vincendo questa piccola scommessa personale, ha dimostrato di possedere una tempra davvero invidiabile. Ma ora è giusto che l'autore si riposi, in modo da concentrarsi sulle poche testate che questo andrà a scrivere da marzo 2015 in poi.

Nel lungo post scritto da Soule in merito a questa decisione, l'autore ci tiene a precisare che la scelta di accasarsi con la Marvel non ha niente a che fare con i rapporti personali che questo ha intrattenuto negli ultimi anni con la DC Comics, anzi: Soule sa bene che la DC Comics ha creduto tanto in lui e la sua scelta, per quanto incomprensibile può sembrare ai lettori di Swamp Thing e Red Lantern, non è assolutamente legata alle dinamiche interne della casa editrice losangelina.

Augurando a Soule ogni bene, speriamo davvero che le sue ultime fatiche in DC Comics possano essere un buon biglietto d'addio (o d'arrivederci) ai lettori delle testate dove l'autore ha dato il suo contributo. E in un momento che possiamo già definire "amarcord", vi propongo qui un'intervista all'autore realizzata da PopCultureNetwork durante l'ultimo C2E2 dove, manco a farlo apposta, Soule parla appunto delle testate della DC Comics!

via | Comic Book Resources

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.