One Piece, spoiler capitolo 760

Capitolo di lotta e di sangue questo 760 di One Piece! Eiichiro Oda ha premuto tanto affinché si arrivasse a questo punto e ora, con tutti protagonisti riuniti, si è aperta la stagione delle battaglie!

Come sempre, ricordiamo a tutti i lettori italiani di non proseguire nella lettura mentre, se seguite la serializzazione giapponese di One Piece, potete tranquillamente usufruire delle nostre anticipazioni.

Dopo il salto troverete il link di rimando al capitolo 759 e le prime indiscrezioni (confermate e con immagini) del capitolo 760.

Riassunto e spoiler capitolo 759 (link)

Spoiler capitolo 760

Panda è riuscita ad arrivare da Sabo che, a quanto pare, ha finito di combattere contro l'ammiraglio Fujitora. Arrabbiatissima, la ragazza chiede a Sabo di ricordarsi la sua posizione all'interno dell'Esercito Rivoluzionario e, quando questo spiega che la vita del suo fratellino era in pericolo, la ragazza prende le guance dell'amico e le tira verso l'esterno. A Sabo la cosa non sembra dare fastidio e, nel tentativo di spiegare a Panda come sono andate realmente le cose, scopriamo che è stato lo stesso Fujitora ad interrompere lo scontro: quando l'ammiraglio ha detto a Sabo che in questa battaglia nessuno ne uscirà da eroe, Sabo ha capito che l'ammiraglio aveva intenzione di porre fine al combattimento senza spargimenti di sangue, affidando tutto il resto nelle mani di Rufy e Law! Ma Panda non vuole che il suo capo se ne vada a dar battaglia agli ammiragli della Marina solo perché gli va e, furiosa, la ragazza ricorda a Sabo che quelli sgridati per via dei suoi comportamenti sono sempre lei e il povero Hack!

Nel frattempo, sul Vecchio Altopiano Reale, i cittadini che erano riusciti a catturare Re Riku, Usopp, Violet e gli altri sembrano essersi qui accorti dell'errore commesso e, ricordandosi della notte in cui Doflamingo si è autoproclamato "Re Pirata di Dressrosa" e di come sono andate poi le cose da quell'orribile notte in poi, gli abitanti della città liberano gli ostaggi chiedendo al loro ex-regnante di aiutarli! I cittadino ripongono le loro vite nelle mani di Re Riku e questo, riflettendo su quanto sta accadendo a Palazzo Reale, dice ai suoi ex-sudditi di aspettare ancora un po'. Re Riku ripone tutte le sue speranze in Rufy e Law e, quando i cittadini gli chiedono perché devono aspettare, l'uomo risponde dicendo che se erano pronti a morire per lui...beh, allora sono pronti anche per aspettare! Re Riku ricorda a tutti che Dressrosa era un simbolo di pace e, fino a quando avrà vita, l'ex-regnante non permetterà mai che il suo paese scenda in guerra. E dello stesso avviso di Re Riku sembra essere anche l'ammiraglio Fujitora che, raggiunti i presenti sul Vecchio Altopiano Reale, svela ai presenti che anche lui sta puntando sullo stesso cavallo del sovrano decaduto di Dressrosa!

Intanto, all'ultimo piano del Nuovo Palazzo Reale, la situazione è rimasta immutata: Rufy è riuscito a colpire Doflamingo con un potentissimo pugno caricato con l'Haki mentre Law, grazie alla sua abilità, ha tagliuzzato per bene il viscido Trebol! Law dice a Rufy di contenere i suoi sentimenti e di rimanere concentrato, perché il trucco che hanno orchestrato stavolta non funzionerà di nuovo con Doflamingo. Approfittando del momento di confusione, Trebol prova a riunire i suoi pezzi e ad attaccare Law, dicendo che lui conosce bene gli effetti del Frutto Ope Ope. Evidentemente, Trebol non sa che la tecnica usata da Law per tagliuzzarlo (la Radio Knife) è così potente che bastano solo pochi minuti per far si che il corpo di chi è stato affettato non possa più ricomporsi e l'agente, visibilmente intimorito, dice che gli sta "colando il naso". Law è pronto a dare il colpo di grazia a Trebol che, come estenua difesa, usa il suo muco per creare una piccola spada. Ma è Doflamingo a salvare il suo agente da morte cerca con un calcio sulla spada di Law e, quando il pirata recupera l'arma per provare ad attaccare nuovamente Trebol, lo Shichibukai gli salta addosso trafiggendolo con i suoi potentissimi aghi! Rufy prova ad intervenire ma Doflamingo, dimostrando una notevole velocità, riesce a distrarre il pirata con un calcio sul braccio (parato dal ragazzo) per poi stenderlo con una ginocchiata nello stomaco! Mentre Rufy rotola per via del colpo subito, Doflamingo riesce a bloccare i polsi del pirata con dei fili e, nello stesso momento, lo Shichibukai lancia Bellamy all'attacco di "Cappello di Paglia"! L'azione è velocissima: Rufy, legato e lanciato verso Bellamy, viene colpito dal pirata con un fendente orizzontale, che causa parecchi danni al capitano dei Mugiwara.

Doflamingo si rivolge quindi a Law e, con fare arrogante, ricorda al suo ex-alleato che se c'è una cosa che ha sempre odiato è quella di essere trattato come uno sciocco. Qui Doflamingo dice a Law e Rufy che "due marmocchi plebei" come loro non hanno alcuna possibilità di vincere contro un nobile come lui essendo, seppur il titolo sia decaduto, un Tenryuubito a tutti gli effetti. Qui Doflamingo rivela a Rufy e Law che suo padre, a un certo punto della sua vita, decise di voler abbandonare la sua posizione di Tenryuubito per provare a vivere come un normale essere umano e la cosa, a quanto pare, sembra aver irritato molto lo Shichibukai. Scopriamo qui che, quand'era bambino, Doflamingo ha abusato del prestigio derivato dalla posizione della sua famiglia come tanti prima di lui, arrivando a desiderare di comprare schiavi e di uccidere bambini plebei solo perché avevano osato rivolgergli la parola. Ma quando suo padre decise di non essere più un Tenryuubito, Doflamingo dovette assistere alla morte di sua madre e, infuriato come non mai, il bambino (che all'epoca aveva otto anni) uccise il genitore e portò la testa di quest'ultimo a Marijoa per riacquistare i suoi privilegi come nobile. Ma i Tenryuubito non accettarono l'offerta di Doflamingo e così, da quel giorno in poi, lo Shichibukai si dedica anima e corpo ad un solo ed unico progetto: distruggere ogni singola parte del mondo controllata dai nobili del Governo Mondiale!

Infuriato per come stanno andando le cose, Doflamingo dice a Rufy e Law che è riuscito a vedere l'inferno e il paradiso che questo mondo ha da offrire ad una persona e che, non avendo passato quello che ha passato lui, i due pirati non possono capire le sofferenze e le umiliazioni che ha dovuto subire. Doflamingo conclude dicendo che non ha tempo da perdere con dei bambocci come loro e, infuriato ma sorridente, questo si prepara sicuramente a fare qualcosa di diabolico...

via | Mangahelpers

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.