Ignatz Awards 2014, rivelati i nomi dei vincitori

In America non si vive di soli supereroi e, nella cornice dello Small Press Expo 2014, sono stati consegnati gli Ignatz Awards 2014, premi rilasciati a tutti i professionisti che lavorano nei sobborghi del fumetto undergrond statunitense!

SPX-Small-Press-Expo-2014-Ignatz-Awards

Chiamati così in onore del topolino disegnato da George Herriman nel fumetto Krazy Kat, gli Ignatz Awards hanno il non facile compito di decretare i migliori fumetti pubblicati dalle case editrici "minori" americane, con particolare attenzione ad autori ed artisti emergenti. Vale qui la pena di ricordare che, dal 1997 ad oggi, sono stati premiati autori ed artisti di un certo peso quali Jaime Hernandez (vincitore del premio Best Artist del 2012 con Love and Rockets: New Stories e nel 2007 con la ristampa della prima serie di Love and Rockets della Fantagraphics Books), Craig Thompson (Best Artist del 2004 con Blankets), Frank Cho (vincitore del Best Artist 1999 con Liberty Meadows #1) Marjane Satrapi (vincitrice del Best Graphic Novel 2005 con Persepolis 2: The Story of a Return), Charles Burns, Greg Cook, Chris Ware e Daniel Clowes. Insomma, nomi davvero importanti del fumetto americano ed internazionale, che sono stati riconosciuti dalla giuria degli Ignatz Awards come meritevoli di vincere l'ambito riconoscimento. Ma andiamo quindi a vedere chi ha vinto i premi dell'edizione 2014 e quali sono stati i momenti più divertenti degli Ignatz Awards 2014!

Ignatz Awards 2014: vincitori e...sposi!

Presenziata da Warren Bernard (direttore esecutivo dello Small Press Expo), l'edizione 2014 degli Ignatz Awards sarà ricordata da tutti come l'edizione in cui Simon Hanselmann, autore australiano che ha pubblicato lavori quali Megg, Mogg and Owl e Megahex (quest'ultimo pubblicato dalla Fantagraphics Books), ha letteralmente sposato i fumetti! Vestito come una sposina seducente dai capelli rosso fuoco, Hanselmann ha sposato una fila di graphic novel dichiarando tutto il suo amore per i fumetti e, giunta l'ora del bacio, l'autore canadese Michael DeForge ha prestato le sue labbra ai libri per far si che tutto si svolgesse secondo le regole! Una scena molto divertente, che i ragazzi di Comic Book Resources hanno documentato con alcune foto davvero molto simpatiche! Ma ci sono stati anche due momenti molto importanti in questa edizione 2014 degli Ignatz Awards. Il primo è stato sicuramente il discorso di Warren Bernard che, ricordando a tutti l'importanza dei fumetti underground nel panorama editoriale americano, annuncia un paio di cosucce circa l'edizione 2015 della Small Press Expo: essendo la prossima la 21ma edizione dell'evento, Bernard ha dichiarato che gli Ignatz Awards del 2015 saranno tutti incentrati su artisti, autori ed opere del 21mo secolo. Inoltre, da marzo 2015, gli organizzatori della Small Press Expo collaboreranno con la Society of Illustrators per un evento, che si svolgerà a New York, dedicato interamente ad autori/disegnatori alternativi che pubblicano (o hanno pubblicato) le loro opere in edizione settimanale.

L'altro momento da ricordare è stato quello dove Cathy G. Johnson, vincitrice del premio come Promising New Talent del 2014, ha approfittato della premiazione per sensibilizzare colleghi, giornalisti e presenti circa i casi di molestie nel mondo del fumetto americano. L'autrice non ha fatto nomi e cognomi, ma è stata sicuramente molto dura e decisa quando ha parlato di come sia difficile, al giorno d'oggi, riuscire a denunciare tutta quella serie di umiliazioni e molestie che i fumettisti (soprattutto se sono giovani e donne) devono subire nel corso della loro carriera. Non ho ben capito a quali tipi di molestie la Johnson si riferisce, ma credo che la ragazza sia stata colpita da qualcosa di davvero sgradevole e la cosa, a quanto pare, l'ha ferita davvero profondamente. Speriamo che si riesca a far chiarezza su queste molestie e sull'entità delle stesse, in modo da poter dare anche noi un giudizio in merito alle parole della brava Cathy.

Nel complesso, la cerimonia si è svolta senza troppi problemi e, qui di seguito, troverete tutti i vincitori degli ambiti (almeno per i fumettisti "undergrond") Ignatz Awards!


  1. Outstanding Story: “Brownout Biscuit,” storia tratta da Octopus Pie: Dead Forever di Meredith Gran
  2. Outstanding Anthology or Collection: QU33R, raccolta pubblicata da Robert Kirby
  3. Outstanding Series: Demon, di Jason Shiga
  4. Promising New Talent: Cathy G. Johnson per Jeremiah, Boy Genius e Until It Runs Clear
  5. Outstanding Comic: Wicked Chicken Queen, di Sam Alden
  6. Outstanding Mini-Comic: House of Women, di Sophie Goldstein
  7. Outstanding Online Comic: Vattu, di Evan Dahm
  8. Outstanding Graphic Novel: This One Summer, di Jillian e Mariko Tamaki
  9. Outstanding Artist: Sam Bosma, Fantasy Basketball

via | Comic Book Resources

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.