Tusk, il regista e autore Kevin Smith pubblicherà un fumetto/prequel del film!

Sono passati ben tre anni dall'ultimo film del regista/attore/produttore/autore di fumetti Kevin Smith, uno dei personaggi più particolari dell'intero panorama fumettistico e cinematografico americano...

I più informati tra voi sanno sicuramente che Kevin Smith sta per rilasciare Tusk, una horror dramedy (abbreviazione di comedy drama) nata dal SModcast, il podcast settimanale in cui l'autore americano riesce a diramare tutte le sue fantasie più assurde e deliranti. E dato che il film esce praticamente domani, i ragazzi di Comic Book Resources hanno ben pensato di intervistare l'autore/regista statunitense per capire, dalle sue parole, cosa sta facendo in ambito fumettistico/letterario e cosa dovremo aspettarci da Tusk. Smith non si è lasciato sfuggire l'occasione di poter dare ai lettori di CBR una bomba e così, parlando di Tusk, l'autore rivela che presto sarà realizzato un adattamento a fumetti dell'opera! Avendo a disposizione un personaggio molto particolare come Howard Howe (il cattivo del film), Smith ha pensato che sarebbe stato bello poter raccontare la storia di questo navigatore/marinaio in un prequel tutto a fumetti e così, contattata la Dynamite Entertainment, il buon Kevin è riuscito a convincere gli editor della casa editrice della bontà di questo prodotto. Affiancato da Francesco Francavilla (che ha realizzato anche le illustrazioni promozionali del film), Smith ci immergerà nel mondo di Tusk al 100%, sfruttando qui la potenza editoriale della Dynamite Entertainment. Arrivati a questo punto, la domanda sorge qui spontanea: di cosa parla Tusk? E perché Smith vuole raccontare le avventure del cattivo della sua pellicola?

Tusk: marinai e...trichechi!

Tusk-Poster-Kevin-Smith-Film

Come ho detto, la storia di Tusk è nata dalla puntata numero #259 di SModcast (intitolata The Walrus and The Carpenter, come la storia presente in Alice nel Paese delle Meraviglie) dove, in un discorso con Scott Mosier (coautore e co-produttore del podcast), l'autore commentava con l'amico un annuncio decisamente particolare: pare infatti che, da qualche parte in Inghilterra, una persona aveva postato un annuncio su Gumtree (famoso sito anglofono dove gli utenti possono mettere in vendita qualsiasi cosa) in cui si offriva la possibilità di vivere completamente gratis in un appartamento se l'inquilino avesse accettato di vestirsi come un tricheco! L'annuncio era in realtà uno scherzo di Chris Parkinson, poeta e scrittore inglese che aveva architettato il tutto per far si che la cosa saltasse agli occhi di Smith che, colpito da questa simpatica iniziativa, ha deciso poi di assumere Parkinson come produttore associato del film. Si parla quindi di trichechi, ma in una maniera così strana e particolare che, e ne sono sicuro, sarete così colpiti dall'assurdità di Tusk che ne vorrete saperne di più circa la storia e i protagonisti!

La sinossi di Tusk si può descrivere in pochissime parole: il podcaster Wallace Bryton decide di intervista un marinaio di nome Howard Howe che, di punto in bianco, decide di rapire il ragazzo per provare a trasformarlo in un tricheco. Toccherà qui a Teddy Craft (miglior amico di Wallace), Ally Leo (la fidanzata del podcaster rapito) e Guy Lapointe (un ex poliziotto incontrato dai ragazzi) provare a capire chi ha rapito Wallace e perché, in un turbinio di eventi e situazioni al limite dell'assurdo! Il fumetto narrerà quindi delle avventure di Howe prima che quest'ultimo, costretto sulla sedia a rotelle, termini la sua carriera di navigatore per diventare qui uno psicopatico amante dei trichechi...e conoscendo Smith, la storia potrebbe essere sia comica che tragica allo stesso tempo!

Io non vedo l'ora di poter vedere Tusk (e di poter leggere il prequel a fumetti) e, visto che ci sono, vi posto qui anche il trailer che Smith ha presentato durante il San Diego Comic-con del 2014.

via | Comic Book Resources

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.