L'attacco dei giganti, Hajime Isayama conferma che lo shonen finirà fra tre anni

Durante un'intervista Hajime Isayama ha confermato che lo shonen horror L'attacco dei giganti terminerà fra tre anni.

Il numero di ottobre del magazine letterario Da Vinci ha pubblicato un pezzo su L'attacco dei giganti contenente un'intervista al suo creatore, Hajime Isayama. Durante l'intervista Isayama ha affermato che inizialmente aveva pensato che lo shonen horror sarebbe finito col 16esimo tankobon, tuttavia successivamente aveva deciso di estendere il suo progetto per poter rappresentare in maniera corretta il lato emozionale della sua storia e il numero crescente di personaggi. Isayama ha poi aggiunto che lui personalmente vuole finire L'attacco dei giganti in circa altri tre anni, più o meno come già dichiarato dall'editore qualche tempo fa. Quindi adesso bisogna vedere se quanto affermato in precedenza, ovvero che la serie completa sarebbe stata composta da venti tankobon, verrà confermato o se il numero di volumi sarà più alto.

Storia di L'attacco dei giganti


L'attacco dei giganti

L'Attacco dei Giganti nasce come uno shonen horror/sovrannaturale/fantasy dai toni tragici, scritto e disegnato da Hajime Isayama. In Giappone lo shonen viene pubblicato dal 2009 sulla rivista Bessatsu Shounen Magazine di Kodansha (vanta 36 milioni di copie stampate), in Italia viene edito da Planet Manga, nei paesi del Nord America viene invece pubblicato da Kodansha Usa: al momento in Giappone è uscito il 14esimo tankobon, ma la serie è ancora in corso d'opera. Esistono anche delle serie collaterali di L'attacco dei giganti: Shingeki no Kyojin - Before the Fall (storia collaterale), Shingeki no Kyojin Gaiden - Kuinaki Sentaku (spin-off), Shingeki! Kyojin Chuugakkou (spin-off) e Sungeki no Kyojin (spin-off). Esiste poi l'adattamento anime, il film d'animazione e l'attessissimo adattamento live-action.

La trama di L'attacco dei giganti di Hajime Isayama racconta della battaglia fra gli uomini, nascosti all'interno delle mura della città ed alcuni giganti: è ambientata in un mondo in cui l'umanità è quasi giunta sull'orlo dell'estinzione a causa dell'attacco di alcuni misteriosi e crudeli giganti mangia-uomini venuti da non si sa dove (si spera di scoprirlo a breve), di diverse dimensioni e aspetto, molto feroci. Un gruppo di umani superstiti riesce a sopravvivere e decide di nascondersi dietro le mura di una città: in realtà ci sono tre ordini di mura che circondano l'abitato. Balziamo al presente: passano 100 anni dalla prima aggressione dei giganti, questi ultimi sembrano essere spariti nel nulla, la città e i superstiti pensano di essere al sicuro e diventano meno attenti, il tutto mentre la carestia e la povertà dilagano. Anche l'esercito si è rilassato.

All'improvviso però ritornano i giganti, due giganti enormi riescono a creare un varco nelle mura difensive permettendo così a quelli più piccoli di entrare, gli uomini non riescono ancora una volta a fermarli e sono costretti a ripiegare nella seconda cerchia di mura, mentre i giganti prendono il possesso di quella esterna (inclusa la parte di città contenuta al suo interno). Il giovane Eren e la sorella adottiva Mikasa osservano inorridi la loro madre uccisa e divorata dai giganti:Eren, il suo miglior amico Armin e anche Mikasa decidono così di entrare a far parte nella milizia cittadina per cercare di combattere i giganti e scoprire cosa ci sia all'esterno delle mura. I tre finiscono per far parte del gruppo di Ricognitori guidato da Levi Rivaille, il miglior combattente a disposizione dell'umanità, cinico, duro e con la fissa per la pulizia. Ma non è finita qui: i Giganti (e gli umani) nascondo delle verità terribili, che potrebbero cambiare il futuro della razza umana (e dei giganti.

Via | AnimeNewsNetwork

Foto | Mangapark

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.