Gotham serie TV, Bruno Heller è sicuro che il serial può inserirsi nel DC Universe

Devono essere stati due giorni molto intensi alla Fox: nella nottata tra ieri e oggi è andato in onda la premiere di Gotham e ovviamente, tra dichiarazioni e ascolti, tutti (ma proprio tutti) quelli coinvolti nel progetto hanno iniziato a dire la loro!

La dichiarazione più interessante è stata però rilasciata da Bruno Heller, showrunner di Gotham: a detta di Heller, Gotham ha tutte le potenzialità per diventare un pezzo importante del DC Universe, auspicando qui un crossover tra i suoi personaggi e quelli di altri show/produzioni basate sui fumetti della DC Comics! Heller sembra essere sincero nell'affermare che Gotham può generare una serie di storie e situazioni che andrebbero ad intrecciarsi molto bene nel DC Universe anche se, e questo è ancora da chiarire, non sappiamo se lo showrunner si riferisce agli altri show televisivi basati sui personaggi DC (vale a dire Arrow, The Flash e Constantine) o ai film che la Warner Bros ha intenzione di rilasciare da qui fino al 2018 (ed oltre). Se Heller si riferisce ai prodotti televisivi, il concetto di una specie di crossover "cross-aziendale" non è affatto una cattiva idea ed anzi, se la cosa fosse presa in esame dagli altri network che detengono i diritti di sfruttamento dei personaggi, ci sono qui tutti i presupposti per una bellissima collaborazione dagli esiti davvero molto intriganti. Discorso diverso va fatto per i film che, senza una sceneggiatura forte basata anche (e soprattutto) sui personaggi che andremo a vedere sul piccolo schermo, non avrebbero qui lo stesso mordente di produzioni televisive cross-aziendali di cui sopra. Ma Heller sa bene che tutto dipende da come andrà lo show quindi, nell'intervista che lo showrunner ha concesso a Digital Spy, c'è spazio anche per uno spoiler molto interessante...

Gotham: cross-medialità a suon di dollari!

Gotham-Serial-TV-Immaginel

Bruno Heller non l'ha detto, ma penso che lo showrunner sappia perfettamente che alla Fox non riuscirebbero a tollerare ascolti deludenti per un serial TV di cui solo i diritti saranno costati un bel po' di quattrini (senza contare i costi di produzione e tutte le spese che girano attorno alla macchina del marketing americano). Credo, infatti, che sia Heller che gli altri produttori temano come la morte che Gotham non abbia l'appeal giusto per poter intrigare i lettori di Batman che, come abbiamo ripetuto più volte, dovranno sorbirsi qui una serie televisiva che parte dall'omicidio dei genitori di Bruce Wayne senza, almeno per il momento, vedere uno straccio di mantello o sentire il rumore della mitica Batmobile. Magari lo show si evolverà fino a mostrarci la metamorfosi di Bruce Wayne nel Crociato Incappucciato, ma per il momento è da escludere categoricamente la presenza di Batman all'interno di Gotham anche perché, e lo ripeto, il protagonista assoluto delle vicende è qui un giovanissimo James Gordon. E cosa qui fa Heller per dare ai lettori di Batman qualcosa su cui parlare? Introduce quella che può essere la prima vera sorpresa dello show: Joker!

Heller e gli altri stanno infatti pensando a come inserire il personaggio al momento giusto e, avendo qui un cast di villain incastrato in maniera pressoché maniacale, sarebbe un peccato affrettare le cose per poter accontentare i fan di Joker. Quindi Heller, in maniera molto maliziosa, ci fa intuire che presto potremo vedere Joker sul piccolo schermo, senza però dirci quando e come sarà presentato quello che tutti i lettori di Batman identificano come la nemesi perfetta di Bruce Wayne!

Spero che il progetto cross-mediale di Gotham possa andare in porto come Heller desidera e, con la curiosità nel cuore, vi ripropongo il trailer del serial TV andato in onda ieri in America!

via | Comic Book Resources

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.