Death of Wolverine #4, la Marvel subissata di richieste di reorders

Forse ho capito uno dei motivi per cui la Marvel ha spostato l'uscita del capitolo finale di Death of Wolverine da settembre a ottobre 2014: il numero è stato richiesto in maniera massiccia dalle fumetterie americane!

Sembra proprio che i lettori di fumetti americani vogliano sapere come Wolverine morirà e, visto il quantitativo massiccio di richieste per reoders del numero #4 di Death of Wolverine, possiamo affermare che la Marvel ha deciso di far morire il buon Logan in un momento particolarmente proficuo per le proprie tasche! Cerchiamo però di spiegare, nella maniera più semplice possibile, cosa sta succedendo in queste ore negli uffici commerciali della Marvel, in modo che tutti possiate capire come stanno le cose. Partendo dal presupposto che le copie di Death of Wolverine #4 stampate dalla Marvel saranno state tutte ordinate dai retailers che ne hanno fatto richiesta, la casa editrice americana sta ricevendo qui un numero impressionante di nuove ordinazioni per un albo che, a conti fatti, non è ancora stato pubblicato! Ma prima di urlare alla "grande vittoria" della Marvel, ci sono da fare qui un paio di precisazioni molto importanti. La prima riguarda ovviamente le copie dell'albo che la Marvel ha stampato e che sono andate esaurite: quante erano? Di solito, facendo una stima più o meno "alla mano", le copie che la Marvel stampa di una singola uscita di questo calibro varia della 50.000 alle 100.000 copie, per un picco massimo di copie disponibili che può raggiungere le 120.000/150.000 unità. Poco, se pensate che la DC Comics riesce a stampare anche 250.000/300.000 copie di Batman (anche se tutte le copie non sempre vengono vendute nella singola mesata). Inoltre, e qui arriviamo alla seconda precisazione, bisogna qui sapere con esattezza quante copie sono state stampate delle variant di Death of Wolverine #4 perché, e lo capite anche voi, sono da sommare alle copie dell'edizione "regular".

Wolverine: la morte ti fa bello...e ricco!

Death-Of-Wolverine-Cover

Credo proprio che alla Marvel non avessero mai immaginato che Death of Wolverine #4 sarebbe riuscito a convogliare così tanto interesse anche perché, scorrendo un po' i dati sui reorders che i ragazzi di Bleeding Cool hanno pubblicato, vedo che alla casa editrice americana sono state richieste altre copie di Original Sin Annual #1, Death of Wolverine Logan Legacy #1 (miniserie legata all'evento dedicato al mutante canadese), Avengers and X-Men: AXIS #2 e Edge of Spider-man #5. Tutti fumetti molto importanti che la Marvel deve mandare subito in stampa perché, se il numero di reoders è così alto, probabilmente i retailers americani sanno già che questi fumetti possono essere smerciati nel giro di pochi giorni. Il fenomeno è abbastanza curioso perché, e questo lo vediamo ogni mese con la classifica dei fumetti più venduti negli States, gli americani si fanno prendere parecchio dai numeri #1 e dai numeri conclusivi delle serie più famose, come se fossero delle specie di reliquie da leggere e da riporre immediatamente nella custodia plastificata!

La mia affermazione è foraggiata da una piccola ricerca che ho compiuto leggendo i dati di vendita dei fumetti negli USA nei mesi di giugno, luglio e agosto dove, come immaginavo, le copie vendute di Wolverine si attestavano sulle 50.000 unità. Capite quindi che, per la Marvel, chiudere una testata e rilanciarne subito un'altra è sempre una cosa molto conveniente: nuovi e vecchi lettori si avvicinano sempre con curiosità alle nuove produzioni e, sia per collezionismo che per empatia, gli americani sembrano apprezzare molto i numeri conclusivi delle testate più importanti (com'è accaduto nel caso di Amazing Spider-man #700).

Intanto, giusto per ricordarci che esiste anche un Wolverine cinematografico (interpretato dal bravissimo Hugh Jackman), posto qui il trailer di Wolverine L'Immortale.

via | Bleeding Cool

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.