L'anime K Project avrà un sequel nel 2015

E’ in arrivo un sequel per l’anime “K project”. Ecco i primi dettagli in merito al nuovo progetto.

E’ attraverso la pagina Twitter ufficiale della serie anime “K” che è stata la realizzazione di un sequel. Il nuovo progetto dovrebbe essere lanciato ufficialmente nel 2015 in Giappone, ma per il momento non è stato ancora specificato se si tratterà di una serie animata, di un film, di un OVA o quant’altro. Come vi abbiamo raccontato, la serie anime originale è stata lanciata in Giappone nel 2012, ed ha ottenuto davvero un buon successo. In seguito l’anime, realizzato dallo studio GoHands (Mardock Scramble, Seitokai Yakuindomo), ha ispirato anche la realizzazione di diversi adattamenti manga, fra cui un prequel dal titolo "K: Memory of Red", ad opera di Yui Kuroe.

Inoltre, l’uscita del Bluray del film ispirato alla serie, "K: Missing Kings", è stata annunciata per il mese di Aprile 2015. Detto questo, ed in attesa di ulteriori aggiornamenti in merito al nuovo sequel in arrivo, ecco qual è la trama della serie originale!

K (anime), trama e curiosità

K anime

La serie originale è ambientata in un Giappone moderno, ma in una realtà molto diversa rispetto a quella che conosciamo. In questo “mondo” vi sono sette clan in lotta fra loro. Nella serie anime originale seguiamo le vicende vissute da Yashiro Isana, uno studente che vive nella Shizume City e che frequenta Ashinaka High School. Il ragazzo ha la testa sempre per aria ma è amichevole con tutti. Suo malgrado però, il nostro protagonista finsce nel mirino dei membri di una delle più potenti bande, rischiando di essere ucciso. Ma per quale ragione?

Come dicevamo, per il momento non sono stati forniti altri dettagli in merito al nuovo sequel in cantiere, ma torneremo come sempre con gli ultimi aggiornamenti in proposito!

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

via | Adala-news.fr

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.