Speciale Dampyr n.10, la Bonelli pubblica El Lobo di Antonio Zamberletti

Chi se lo sarebbe mai aspettato un successo tale dalla serie Dampyr della Bonelli che ha raggiunto oggi la sua decima uscita speciale, con un albo contenente una storia intitolata El Lobo, scritta da Antonio Zamberletti.

Dampyr è il vero erede di Dylan Dog. E’ un fumetto horror, che tratta questo genere in maniera del tutto differente dalla serie sull’Indagatore dell’Incubo e piace abbastanza ai lettori italiani, a tal punto che la sua casa editrice è riuscita a raggiungere la decima uscita speciale.

La Sergio Bonelli Editore ha pubblicato oggi, 22 ottobre 2014, lo Speciale Dampyr n.10, un albo che parla dei combattenti della Rivoluzione Messicana, che non hanno mai smesso di cavalcare. La storia contenuta in questa uscita speciale è intitolata El Lobo ed è stata realizzata da Antonio Zamberletti (soggetto e sceneggiatura), da Marco Santucci e Patrick Piazzalunga (disegni).

La copertina è un lavoro di Enea Riboldi, il quale ha illustrato una scena notturna, nella quale il nostro protagonista è chiamata ad affrontare una pericolosa figura a cavallo. E’ un Maestro della Notte? Molto probabile…

Antonio Zamberletti ha provato a costruire una storia che sia in grado di offrire tanta azione, mista all’horror, facendo riferimento ad un evento come la Rivoluzione Messicana, il movimento armato che nel 1910 si è mosso per porre fine alla dittatura del Generale Porfirio Díaz.

La sinossi dello Speciale Dampyr n.10

bonelli

El Lobo prende il via con una scena drammatica che vede protagonista la bella Anita Montoya, la coraggiosa poliziotta antidroga, la quale si è trovata di fronte al massacro di una squadra di agenti da parte di feroci non-morti.

Il giornalista Barraza, per salvarle la vita, ha contattato il gruppo dei suoi amici ammazzavampiri, i quali scopriranno presto che a comandare il “cartello” criminale della zona, che gestisce il narcotraffico, c’è un Maestro della Notte. Harlan, Tesla e Kurjak dovranno così sfidarlo, arrivando a scoperchiare addirittura un intrigo che risale alla famosa Rivoluzione Messicana avvenuta oltre un secolo prima.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.