La DC Comics annuncia Convergence, il maxi-evento del 2015!

Se pensavate che i multiversi della DC Comics fossero stati messi in cantina, beh...vi sbagliavate di grosso: la casa editrice americana ha annunciato Convergence, il primo (e credo unico) maxi-evento del 2015 di casa DC Comics!

Scritto dall'autore televisivo Jeff King (famoso per lavori quali Stargate SG-1, White Collar e Continuum) e disegnato da Carlo Pagulayan e Stephen Segovia, Convergence è stato presentato da Dan DiDio e Jim Lee (rispettivamente editor-in-chief e co-publisher della DC Comics) su di un intervista a USA Today, dove i due hanno parlato della saga in maniera molto, molto dettagliata. E da come ci è stata descritta da DiDio e Lee, Convergence sembra qui il ritorno in grande stile dell'universo DC "post-Crisis", inserito in una storia ben più articolata e macchinosa che, tra le altre cose, partirà proprio dalla fine di The New 52: Futures End e Earth 2: World’s End, testate che fanno parte della maxi-saga introdotta a settembre con l'uscita dell'evento annuale targato DC Comics. Il plot, che a me sembra molto intrigante, ha come protagonista il terribile Braniac, supercervello alieno che i lettori di Superman conoscono molto bene: collezionista di mondi e di città in miniatura, Braniac deciderà di fare un esperimento e di provare ad aprire tutte le civiltà imprigionate negli appositi involucri contemporaneamente, dando così vita al primo incontro multidimensionale tra popolazioni! Confermato che Braniac avrà collezionato anche i resti dei vecchi universi della DC Comics, DiDio e Lee aprono agli autori possibilità pressoché infinite di narrazione perché, avendo a disposizione tutto il nuovo e il vecchio multiverso DC, riuscire a fare un bel minestrone di storie sarà relativamente facile per King e compagnia bella. Ma l'operazione di Convergence porta in seno altri poderosi cambiamenti, che andranno qui a rimescolare un po' il delicatissimo equilibrio delle testate pubblicate dalla casa editrice americana...

Convergence: la disfida dei multiversi

Convergence-DC-Comics-Evento-2015

Nonostante Dan DiDio e Jim Lee abbiano lasciato intendere che molti dei multiversi passati potrebbero far capolino in Convergence, i due manager della DC Comics hanno detto esplicitamente che la saga potrebbe non contenere tutto quello che è successo prima dell'arrivo dei New 52, ritrattando parzialmente le dichiarazioni precedenti. Ma allora perché Braniac, collezionista multidimensionale e spazio-temporale di mondi, non dovrebbe avere tra le sue mani proprio quel multiverso di cui la DC Comics si è sbarazzata qualche anno fa? Il mistero si infittisce, ma a conti fatti sono sicuro che vedremo molto del vecchio multiverso in Convergence anche perché, proprio per immergere meglio il lettore nella storia della maxisaga, la casa editrice americana metterà in pausa tutte le testate correnti per lanciare qualcosa come quaranta nuove miniserie legate interamente al progetto! Un'operazione che sembra mastodontica, ma che a conti fatti permette alla DC Comics di fare qui due manovre decisamente vantaggiose. La prima è quella più semplice da immaginare: avendo qui quaranta nuove testate, la DC Comics lancerà sul mercato una specie di linea parallela di prodotti e i lettori, incuriositi dalla cosa, acquisteranno sicuramente queste nuove offerte editoriali della casa editrice. La seconda è di puro risparmio perché, diminuendo per qualche mese il numero di testate regolari pubblicate, la DC Comics avrà modo di rifiatare un po' in vista del ritorno delle pubblicazioni dei New 52. Ma non sembra anche a voi che questo Convergence sia, come dire...un po' scopiazzato?!

Come sapete, la Marvel dovrebbe porre fine al suo universo nella primavera del 2015, dando qui vita a una nuova stagione editoriale che sarà lanciata con il maxievento di Secret War e con il ritorno in pompa magna di tutte le saghe più importanti del passato della casa editrice americana. Immaginando per un attimo che ognuna delle quaranta testate della DC Comics prenda origine da eventi specifici del passato di ogni singolo personaggio, si vedrà facile che le miniserie di Convergence avranno preso spunto dal concetto espresso dalla Marvel sulle maxisaghe annunciate e la cosa, a conti fatti, può essere accomunata ad un piccolissimo plagio. Ma in America queste cose sono ormai all'ordine del giorno, quindi non credo che i lettori si facciano così tanti problemi!

Aspettando di avere informazioni dettagliate su Convergence, vi lascio qui alla visione di una bella retrospettiva sull'universo DC Comics post-Flashpoint.

via | IGN

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.

1 commenti Aggiorna
Ordina: