One Piece, spoiler capitolo 768

Finito il ciclo di flashback, Eiichiro Oda riprende la narrazione di One Piece dal punto della saga in cui s'era fermato per dare lo spazio ad alcuni personaggi di cui ora sappiamo finalmente il passato...

Come sempre, ricordiamo a tutti i lettori italiani di non proseguire nella lettura mentre, se seguite la serializzazione giapponese di One Piece, potete tranquillamente usufruire delle nostre anticipazioni.

Dopo il salto troverete il link di rimando al capitolo 766 e le prime indiscrezioni (confermate e con immagini) del capitolo 767.

Riassunto e spoiler capitolo 767 (link)

Spoiler capitolo 768

Terminato il lunghissimo flashback sul passato di Law, Corazon e Doflamingo, Eiichiro Oda riprende la narrazione di One Piece da dove s'era interrotta, riproponendo subito proprio lo scontro tra Law, Doflamingo e Trebol.

Ripensando all'amico Corazon e al sacrificio che ha compiuto l'uomo per salvargli la vita, Law vorrebbe qui esaudire il desiderio di Rocinante: mettere fine, una volta per tutte, alla vita dello spietato Doflamingo! Mentre combatte con Doflamingo (che si trova all'interno dell'area di azione dell'abilita del Frutto Ope-Ope), Law chiede allo Shichibukai cosa ne pensa di Monkey D. Rufy. Senza neanche dare il tempo a Doflamingo di rispondere, Law dice al nemico che ha scoperto oggi che lo Shichibukai era un Drago Celeste e, lanciato un sasso alle spalle dell'avversario, il pirata riesce a usare il suo "Shambles" per comparirgli alle spalle! Chiedendogli cosa ne pensa dellla "D.", Law riesce ad affondare la sua spada nella spalla del nemico. Peccato che il sangue schizzato dalla ferita, che sembrava appunto provenire dalla spalla di Doflamingo, in realtà veniva dalla mano dello Shichibukai che, seccato e un po' confuso dalle domande di Law, afferra l'arma del pirata tenendolo praticamente sotto scacco! Sorridendo come sempre, Doflamingo risponde a Law dicendo che non sono affari suoi e il ragazzo, mentre viene sballottolato dal nemico, ha il tempo di dire all'avversario che Rufy è qui per "volere del destino". Doflamingo intuisce che Law allude alla "D." e al fatto che chi possiede quella lettera nel suo nome dovrebbe essere uno "Sterminatore di Dei" e, voltandosi, lo Shichibukai è pronto a colpire il pirata con uno dei suoi terribili affondi con la mano. Law riesce a parare il colpo e, guadando Doflamingo dritto in faccia, rivela al nemico che anche lui ha la "D." nel suo nome, assestandogli un bel fendente orizzontale!

Ben protetti dai cittadini, Re Riku, Usopp, Kinemon e gli altri vengono a sapere da Viola cosa sta succedendo sul campo di battaglia...o meglio, sui campi di battaglia: per comodità, Viola ha suddiviso la battaglia di Dressrosa in tre blocchi, in modo da tenere bene a mente le aree da sorvegliare grazie alla sua abilità. Le aree sono quelle de "La Statua di Pica", "Dell'Altopiano Reale" e "Della Fabbrica di Smile" e, quando Usopp chiede cosa sta succedendo e quanti sono gli agenti contro cui stanno combattendo, Viola si offre di fare un breve resoconto al pirata, spiegando per filo e per segno cosa sta accadendo in quel momento e chi sono gli avversari. La battaglia de "La Statua di Pica" è solo tra Zoro e Pica, e sembra che i due spadaccini siano in una fase di studio, quindi l'esito di questo scontro è ancora tutto da decidere. La battaglia "Della Fabbrica degli Smile" è tra Franky e Señor Pink, il "nuotatore libero" che sta dando parecchi grattacapi al cyborg/carpentiere della Ciurma dei Mugiwara.

Ben più incasinata è la situazione che si presenta sull'Altopiano Reale dove, con Diamante presente a Campo dei Girasoli e la squadra composta da Baby 5, Gladius, Machvise, Lao G e Dellinger nei bassifondi, i pirati ed i rivoltosi stanno avendo una vita non proprio facile...senza dimenticare che, nel Palazzo Reale, ci sono anche Doflamingo e Trebol! E mentre Diamante se la sta vedendo con Kyros (che sembra qui in difficoltà), i pirati e i partecipanti delle varie Battle Royale sono tutti intenti a dare battaglia agli agenti più forti di Doflamingo che, a quanto pare, sembrano resistere molto bene agli attacchi di questi uomini potentissimi. In tutta questa bagarre, i piccoli uomini della tribù dei Tontatta sono riusciti a penetrare all'interno del Palazzo Reale e, guidati da Leo, i nostri sono alla ricerca della principessa Machérie. Gli unici che si preoccupano di aiutare i civili sembrano invece Sabo e Koala che, preoccupati per come stanno andando le cose, si stanno offrendo di portare donne e anziani in posti che possono essere più o meno sicuri.

Conclusa la sua analisi, Viola dichiara che solo con l'abbattimento di Doflamingo riusciranno a uscire da questa situazione, anche se la battaglia tra il terribile sovrano di Dressrosa e i due coraggiosi pirati (Law e Rufy) sembra ancora tra le corde dello Shichibukai, che è ancora una spanna sopra i suoi avversari...

Sentito da Law che questo ha la "D." nel suo nome, Doflamingo inizia ad attaccare furiosamente il pirata che, dopo averlo ferito, deve qui cercare di parare e schivare i velocissimi colpi del nemico. Doflamingo chiede a Law cosa gli è stato raccontato da Corazon in merito alla "D." e se crede davvero che quella vecchia leggenda riguardo ai "Nemici naturali degli Dei" sia vera, ma Doffy commette qui un errore fatale: come gli fa notare anche Trebol, Doflamingo è entrato di nuovo nel raggio di azione dell'abilità di Law che, senza perdere tempo, punta la sua spada sul petto del nemico per usare l'abilità "Injection"! Per effetto di questo nuovo colpo, Doflamingo viene come "sparato" nel petto da Law che, ricordando quanto avvenuto sull'isola dove è morto Corazon, dichiara davanti al Re di Dressrosa che lui non è come il buon Rocinante...perché lui non avrà pietà di Doflamingo!


via | Mangahelpers

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.