Ant-Man, i Marvel Studios pubblicano lo stesso trailer in due diverse grandezze!

I Marvel Studios riescono sempre a stupirmi e, ancora una volta, i geni del marketing pubblicitario della casa di produzione americana ne hanno inventata una delle loro...

Essendo Ant-Man un personaggio che, come dice il nome stesso dell'eroe, può rimpicciolirsi sino ad arrivare alle dimensioni di una formica, i ragazzacci dei Marvel Studios hanno ben pensato di produrre ben due trailer dedicati al film che uscirà il 17 giugno 2015. Il primo, andato in onda il 2 gennaio 2015, è stato realizzato in un formato così piccolo da risultare praticamente un puntino in mezzo allo schermo (così da simulare la visione "formichesca" del trailer). Il secondo, andato in onda il 3 gennaio, è invece la versione "per umani" dei dieci secondi scarsi di anteprima, da cui possiamo iniziare a vedere quella che sarà l'ambientazione generale della pellicola. Ambientazione che, almeno al sottoscritto, sembra molto più battagliera e "seriosa" di film quali Thor: The Dark World o Guardians of the Galaxy, che alla fine si son rivelati degli ottimi film dalla trama leggera ma allo stesso tempo appassionante (soprattutto il secondo). Andiamo quindi ad analizzare le poche immagini di questo primo trailer, cercando di iniziare ad associare i volti degli attori ai personaggi principali.

Scott Lang e Hope Van Dyne protagonisti assoluti?

ant-man-movie-logo

La prima scena in cui vediamo Scott Lang (qui interpretato dall'attore americano Paul Rudd) è molto evocativa: accompagnato da due ranger, il criminale che ha acquisito le capacità di Ant-Man cammina spavaldo verso la telecamera, vestito in maniera molto "casual" e mostrando un paio di piccoli cerotti sul sopracciglio destro. Il secondo personaggio che ci viene mostrato è Hope Van Dyne, figlia di Henry Jonathan "Hank" Pym (interpretato da Michael Douglas) e di Janet Van Dyne, qui impersonata da una carismatica e tostissima Evangeline Lilly, attrice canadese che abbiamo rivisto recentemente al cinema nei panni dell'elfa Tauriel negli ultimi due capitoli dell'adattamento cinematografico de Lo Hobbit di J. R. R. Tolkien. Dotata di una bel caschettone con frangetta, la Hope Van Dyne del film di Ant-Man sembra non aver niente in comune con la versione cartacea del personaggio che, in origine, era una supercattiva (soprannominata Red Queen) a capo dei Revengers, organizzazione criminale messa in piedi proprio da Hope e dal fratello Henry Pym Jr., gemello della ragazza conosciuto con il nome di Big Man. Ma tutto questo succedeva nell'universo MC2 della Marvel, filone narrativo riconducibile agli avvenimenti di Terra-982.

Di sicuro, e non poteva essere altrimenti, sia Lang che la Van Dyne saranno i protagonisti assoluti delle vicende, anche perché il legame tra la figlia di Pym e questo piccolo criminale da strapazzo sembra essere qualcosa di molto più profondo della semplice "rivalità" (se così possiamo dire). Sono molto curioso di scoprire come Lang sia riuscito ad appropriarsi della tecnologia di Hank Pym anche perché, e mi gioco quello che volete, sarà proprio questo il motivo che spingerà la Van Dyne ad incontrarsi (o scontrarsi, ancora non lo sappiamo) con il "terribile" Scott.

Visto che oggi abbiamo ben due trailer da mostrarvi, ho deciso di posizionare in alto la versione "Ant-Sized" del primo footage di Ant-Man mentre, come avete intuito, quella in basso è la versione "human-sized" di questo piccolo teaser!

via | Comic Book Resources

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.