Koufuku Graffiti, animazioni invernali 2015, prima impressione

E' iniziata la serie di animazione Koufuku Graffiti.

Guardando la prima puntata di Koufuku Graffiti sono quasi certa che il 90% delle persone proverebbero una grande noia, per quanto mi riguarda mi sono rilassata, gustandomi una pausa tè e biscotti per circa 20 minuti della giornata. Non è certo una puntata ricca di azione, ma se vi piace la cucina nipponica, se amate la tranquillità, i colori pacati e una vicenda molto tranquilla, sicuramente una puntata a settimana di questa serie di animazione vi metterà in pace con il mondo.

Nel complesso ben disegnata, curata e con delle atmosfere soft, la puntata scorre via lenta ma inesorabile. Ma di cosa ci parla Koufuku Graffiti?

Ecco la trama:

Koufuku Graffiti

Ryo è una fanciulla molto giovane, iscritta ad una scuola d'arte e vive sostanzialmente sola. Condivide in teoria la casa con la zia, ma la maggior parte del tempo è sola soletta. Ama moltissimo cucinare e anche mangiare ed ha massima cura nella preparazione dei piatti. Ryo cura sia l'estetica dei piatti, sia i profumi del cibo, sia ovviamente il gusto e i sapori.

Quale occasione migliore per sperimentare la sua cucina se non sulla cuginetta che verrà ogni week-end a trovare la ragazza: la fanciulla, sua coetanea, decide infatti di voler frequentare la stessa scuola d'arte di Ryo poichè si trova a Tokyo, nella capitale! Le due ragazze fanno amicizia grazie al cibo, aiutate anche dal fatto che la cuginetta si ammala proprio appena arriva in città: Ryo prepara dei deliziosi manicaretti caldi e rinfrancanti, così che la ragazza tornerà a casa in buona salute e felice dell'esperienza.

Personalmente non vedo l'ora di vedere un'altro episodio e di capire che piatti cucinerà la protagonista.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.