Kaduho di Kill Me Baby lancia una nuova serie

Kaduho lancia una nuova serie manga. Ecco i primi dettagli in merito al progetto.

Kaduho di "Kill Me Baby" sta per pubblicare una nuova serie manga. L’annuncio sarebbe stato affidato alle pagine della rivista Dengeki Daioh G magazine, di casa ASCII Media Works, dove non è stato però ancora specificato quale sarà il titolo di questo nuovo progetto. Sappiamo per il momento che il manga uscirà il prossimo 27 Febbraio 2015 in Giappone, sul prossimo numero della rivista, e che sarà ambientato in una sala da tè. Per chi non lo conoscesse, Kaduho è – come abbiamo detto – il padre della fortunate serie manga ancora in corso Kill Me Baby (Kiru M? Beib?), serie pubblicata a partire dal 2008 sulle pagine della rivista Manga Time Kirara Carat (Hobunsha).

La serie Kill Me Baby appartiene al genere demenziale-scolastico, e la Hobunsha ne ha pubblicato il sesto volume lo scorso Marzo in Giappone. Ma ecco qualche dettaglio in più in merito al fumetto.

Kill Me Baby, trama e curiosità

Kaduho

Pubblicato a partire dal 2008, il manga “Kill Me Baby” è caratterizzato dal formato four-panel (noto anche come Yonkoma o 4-koma, usato generalmente per i fumetti di genere umoristico), e segue le vicende vissute dalla giovane Sonya, una ragazza sicario che frequenta le scuole superiori, dalla sua amica Yasuna Oribe e dalla giovane Agiri, una ragazza ninja che fa capo all’organizzazione di Sonya. La serie manga di Kaduho è stata adattata dallo studio giapponese J.C.Staff in una versione animata trasmessa da Gennaio a Marzo del 2012 e composta da 13 episodi.

Detto questo, per il momento è tutto, per cui non ci resta che attendere ulteriori dettagli e indiscrezioni in merito alla nuova serie manga in uscita!

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

via | ANN

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.