Festival d'Angoulême 2015, online il Palmarès dei vincitori di questa edizione

Quest'anno il Festival international de la bande dessinée d'Angoulême è stato sicuramente viziato dall'attentato al Charlie Hebdo e la cosa, come andremo a vedere, si è riflessa anche sui premi.

Chiariamoci: anche se l'autore del fumetto che ha vinto il Prix du Meilleur Album 2015 ha lavorato per ben nove anni alla redazione del Charlie Hebdo, la sua opera non ha niente a che vedere con gli attentati alla redazione del quotidiano ed anzi, come andrò a spiegarvi, la BD in questione altro non è che una semplice autobiografia. Però è anche vero che, insieme al Grand Prix consegnato nelle mani di Katsuhiro "Akira" Otomo, è stato istituito un premio speciale tutto riservato alla redazione del Charlie Hebdo e la cosa, seppur emozionante e dovuta, poteva essere organizzata in maniera diversa. Ci sono ancora delle persone che soffrono per la scomparsa di Charb, Cabu, Wolinski, Tignous e Honoré, e sarebbe stata cosa buona e giusta organizzare un evento separato per omaggiare le vittime in maniera appropriata. Ma suppongo che nessuno degli organizzatori del Festival International de la Bande Dessinée d'Angoulême abbia avuto il tempo materiale per capire come fare ad omaggiare al meglio le vittime quindi, almeno per l'edizione 2015, ci siam dovuti accontentare di questo Grand Prix assegnato "in fretta e furia". Ma accantoniamo le polemiche per concentrarci sul Palmarès dei lavori vincitori di questo Festival International de la Bande Dessinée d'Angoulême 2015 che, almeno agli occhi del sottoscritto, sembrano davvero i fumetti migliori prodotti nel 2014.

Festival d'Angoulême 2015: chi si è portato a casa i prestigiosi Le Fauve?

Festival d'Angoulême 2015 fumetti premiati

Partiamo dal Fauve d'Or che, ovviamente, è il premio riconosciuto al miglior lavoro del 2014. Il vincitore di quest'anno è stato L’Arabe Du Futur Vol. 1 di Riad Sattouf, autore trentaseienne di origine franco-siriana. Collaboratore del Charlie Hebdo per ben nove anni, Sattouf ha abbandonato la rivista ad ottobre del 2014, approdando successivamente su L'Obs. Come ho detto, la storia di L’Arabe Du Futur vol. 1 è tutta incentrata sull'infanzia di Sattouf che, in compagnia dei genitori, viaggerà tra la Libia del Colonnello Gheddafi alla Siria. Un'autobiografia che è anche un racconto di come si è vissuto nella zona libico-siriana tra gli anni ottanta e gli anni novanta, il tutto "filtrato" dagli occhi e dalla sensibilità di un autore che, all'epoca dei fatti, era poco più di un bambino. Premio meritatissimo.

Festival d'Angoulême 2015 fumetti premiati

Pierrot, Mimile e Antoine sono i tre amabili (e disastrosi) vecchietti che hanno permesso a Paul Cauuet e Wilfrid Lupano di vincere il Fauve riservato al Prix du Public, premio molto importante che il Festival d'Angoulême fa assegnare dai lettori. Ambientato principalmente in Italia (tra la Toscana e la Sardegna), il fumetto narra delle disavventure di questi tre sfrenati signori che, ormai raggiunta una certa età, non sembrano arrendersi al passare del tempo dimostrando, anche con gesti estremi, che la vita va vissuta fino all'ultimo secondo. Un fumetto divertentissimo, che spero arrivi prestissimo anche da noi!

Festival d'Angoulême 2015 fumetti premiati

Il premio speciale della giuria va invece a Building Stories di Chris Ware, monumentale graphic novel dell'artista americano che, in quel di Francia, gode della collaborazione di una casa editrice importante qual è la Delcourt. Di Building Stories e di tutto l'aspetto grafico del fumetto ci sarebbe da parlare per ore e, anche se lo facessimo, non si riuscirebbe a descrivere la potenza sequenziale di quest'opera. Immagino che Ware sia contentissimo del premio e, ancora una volta, il fumettista americano dovrà far spazio in bacheca per aggiungere un altro prestigioso riconoscimento!

Festival d'Angoulême 2015 fumetti premiati

Balak, Mickaël Sanlaville e Bastien Vivès riescono a piazzare il sesto volume di Lastman nella categoria riservata alla miglior serie a fumetti dimostrando, ancora una volta, che la Casterman ha fatto benissimo ad affidare ai tre autori/disegnatori un lavoro così complicato ed affascinante allo stesso tempo. La fiducia della casa editrice è stata premiata, ma ora è arrivato il momento di consolidare il primato, e sono sicuro che uno come Vivès (lavoratore instancabile e critico spietato del panorama fumettistico francese) avrà già affilato le matite in vista dei prossimi capitoli di Lastman...

Festival d'Angoulême 2015 fumetti premiati

Il premio come miglior albo rivelazione del 2014/2015 va a Yekini, Le Roi Des Arénes, fumetto di Lisa Lugrin e Clément Xavier che la FLBLB ha pubblicato in Francia a febbraio dell'anno scorso. Ambientato in Senegal, il fumetto parla della storia della lotta tradizionale del paese africano, raccontata nelle vicende di Tyson, Balla Gaye 2 e Yekini, tre persone che vivono questo sport in maniera molto diversa. La cosa particolare è che tutti e tre i protagonisti delle vicende sono persone reali, quindi il fumetto si fa ancora una volta veicolo di una situazione realmente accaduta in un contesto che, e lo capite perfettamente da voi, è molto difficile da inquadrare.

Festival d'Angoulême 2015 fumetti premiati

Il Prix du Patrimoine (premio "al patrimonio", ovvero alla ristampa di un fumetto che ha fatto la storia della nona arte) va invece a San Mao, Le Petit Vagabond di Zhang Leping, raccolta di storie e vignette che la Fei Editions ha voluto pubblicare per omaggiare uno dei personaggi più importanti del fumetto cinese. Il bambino malnutrito disegnato da Leping dal 1935 è la rappresentazione grafica delle condizioni di vita dei tantissimi cinesi che, nel periodo "d'oro" della Shangai degli anni trenta/quaranta, hanno dovuto combattere la fame, la guerra e la terribile crisi economica pre bellica. Un fumetto che fa commuovere e riflettere e che, anche secondo il mio modesto parere, rientra perfettamente tra i prodotti da conservare e tramandare alle prossime generazioni.

Festival d'Angoulême 2015 fumetti premiati

Va a Les Royaumes Du Nord Vol. 1 di Clément Oubrerie e Stéphane Melchior il premio come miglior fumetto per ragazzi, riconoscimento molto importante che ha spianato la strada a tantissimi autori ed artisti di lingua francofona (e non). Storia di intrighi e misteri con protagonista la piccola Lyra, Les Royaumes Du Nord Vol. 1 è un fumetto di formazione che analizza le difficoltà dei bambini nel rapportarsi agli adulti (e viceversa), ed è sicuramente uno dei tanti esempi di come una storia d'avventura può trasformarsi in un'esperienza di lettura completa.

(function(d, s, id) { var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) return; js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "//connect.facebook.net/it_IT/all.js#xfbml=1"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs); }(document, 'script', 'facebook-jssdk'));

Il premio come miglior fumetto poliziesco/pulp va invece a Petites Coupures Á Shioguni di Florent Chavouet, disegnatore francese residente in Giappone da ormai 10 anni. Mischiando sapientemente il tratto da mangaka con lo stile europeo, Chavouet ha confezionato un'opera forte e altenativa allo stesso tempo dove, grazie alle indagini giornalistiche e ad alcuni rapporti della polizia, si scoprirà un intrigo dove sono coinvolti alcuni membri molto importanti della Yakuza giapponese. Chavouet sa bene di cosa parla e sa come far risultare credibile un'opera di fantasia, e la cosa ha sicuramente fatto colpo sull'Accademia. Bravo Chavouet!

Festival d'Angoulême 2015 fumetti premiati

E concludiamo con il premio per la miglior BD "alternativa", che quest'anno è andato al collettivo di Derive Urbaine, antologia a fumetti della Editions des Béatitudes che vede tra i suoi autori ragazzi quali Lucie Castel, Boris Hurtel, Gautier Ducatez, Sylvain de la Porte, Alexandre De Moté, Yoann Constantin, Nylso et Marie-Saur, Lisa Lugrin, Guillaume Soulatges, Loïc Verdier, Eric Nosal e Gabriel Dumoulin. Poche sono le informazioni relative a questa uscita, ma è anche vero che di solito i premiati sono fumetti autoprodotti stile "self-area" del Lucca Comics and Games quindi, se volete saperne di più, dovete fare una bella ricerca all'interno dell'underground fumettistico francese (che, al pari di quello italiano, è più vivo che mai).

Nell'attesa di vedere in Italia tutte le opere vincitrici di questa edizione del Festival d'Angoulême 2015, rivediamo con gioia il video dedicato ai preparativi dell'evento.

via | Festival International de la Bande Dessinée d'Angoulême Official Site

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.