Secret Wars 2015, Deadpool sarà uno dei protagonisti della saga

Chi tra voi ha letto la saga originale di Secret Wars sa che, nel fumetto originale di Jim Shooter e Mike Zeck, la presenza di Deadpool non era contemplata...almeno, questo è quel che abbiamo sempre creduto!

Visto e considerato che Deadpool è un personaggio così popolare da essere diventato una specie di "feticcio" usato dagli autori e sceneggiatori della Marvel per aggiungere un tocco di umorismo alle storie, il coinvolgimento di Wade Wilson nelle dinamiche del nuovo Secret Wars era praticamente scontato! E così, affidato all'autore Cullen Bunn il compito di sviluppare una storia che possa rendere coerente l'avventura di Secret Wars targata Deadpool, la Marvel annuncia che ci sarà un tie-in intitolato Deadpool's Secret Secret Wars, dove il "Merc-With-A-Mouth" sarà protagonista assoluto della sua personalissima "Guerra Segreta". Ma perché il coinvolgimento di Deadpool in Secret Wars sta interessando tutti i maggiori siti d'informazione fumettistica americana? Perché ne stanno parlando tutti come se fosse un evento speciale al pari di Secret Wars? Se avrete la pazienza di seguirmi, vi spiegherò per filo e per segno come mai Deadpool non sarebbe mai dovuto apparire in questo nuovo capitolo della saga originale del 1984!

Deadpool in Secret Wars: un morto...che non era ancora nato!

Deadpool-Secret-Secret-Wars-Cover

Facciamo un salto indietro nel tempo fino al 1984, anno in cui la Marvel affidò all'autore Jim Shooter e al disegnatore Mike Zeck il compito di realizzare quel Secret Wars che fece riaccedere nei lettori americani l'interesse per le maxisaghe supereroistiche: avendo a disposizione tutti i personaggi del Marvel Universe, Shooter e Zeck selezionarono con attenzione i protagonisti principali delle vicende che, come da tradizione, erano (e sono) i supereroi più amati della "Casa delle Idee". Ma allora perché Deadpool non è stato selezionato? Semplice: perché Deadpool non era ancora nato! Fabian Nicieza (autore) e Rob Liefeld (disegnatore) crearono Deadpool nel 1991 quindi, anche volendo, come avrebbero fatto Shooter e Zeck a inserire il personaggio in Secret Wars? Ma se questo non è già abbastanza, aggiungeteci anche i primi spoiler del numero #250 di Deadpool che, come ha illustrato il nostro Marte, hanno attestato una cosa che in molti già si aspettavano: la morte di Wade Wilson! Quindi non solo Deadpool non sarebbe mai dovuto appare in Secret Wars perché non era ancora stato creato, ma qui si corre il rischio di vedere un morto che resuscita solo per apparire una saga che dovrebbe "rebootare" l'intero Marvel Universe!

Ma sappiamo tutti che in Marvel i miracoli sono all'ordine del giorno quindi, arrivati fino a qui, le opzioni sono tante. La prima, che mi sembra quella più logica, è che Secret Wars si svolgerà in un momento molto preciso dell'Universo Marvel e quindi, seppur "morto" sulla testata originale, Deadpool può far parte della maxisaga senza alcun problema. Un'altra ipotesi è che, nel finale del numero #250, il buon Wade Wilson riuscirà ancora una volta a scampare dal tocco fatale della morte, sopravvivendo all'ennesima missione suicida come ha sempre fatto sin dalla sua nascita ad oggi. Se poi ci aggiungete che lo stesso Cullen Bunn ha dichiarato che Deadpool è sempre stato presente nel Marvel Universe, allora le ipotesi sul suo coinvolgimento in Secret Wars si moltiplicano!

L'unica cosa che possiamo fare è pazientare fino all'uscita di Deadpool's Secret Secret Wars, in modo da capire come mai il "Merc-With-a-Mouth" è stato coinvolto e perché ce lo dobbiamo ritrovare tra i piedi anche in quella che sarà una delle saghe più importanti del Marvel Universe! E visto che stiamo parlando di un evento eccezionale (sotto ogni punto di vista), rilancio qui la registrazione della conferenza di presentazione di questa vecchia/nuova maxi-saga, in modo che si possa ritornare a parlare di Secret Wars anche secondo il punto di vista di editor e autori.

via | Newsarama

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.