Charlie Hebdo, La BD Est Charlie è il fumetto più venduto su Amazon francese

Com'era prevedibile, La BD Est Charlie (fumetto dedicato alle vittime dell'attentato alla redazione del Charlie Hebdo) è diventato subito un bestseller. Ma quali sono le cifre del successo?

Charlie Hebdo, La BD Est Charlie è sicuramente un prodotto molto particolare perché, realizzato in collaborazione con tutte le più grandi case editrici francesi (tra cui spiccano nomi quali Glénat, Casterman, Dargaud, Delcourt, Hachette, Les Humanoïdes Associés, Soleil e persino la sezione francese della Panini Comics), questo volume di 200 pagine viene venduto al prezzo nazionàl-popolare di soli 10 euro ed il ricavato, come annunciato, sarà interamente devoluto alle famiglie delle vittime del sanguinoso attentato alla redazione del settimanale satirico parigino. Un successo annunciato per un libro che raccoglie vignette di autori francesi ed internazionali come Robert Crumb, Guy Delise, Manuele Fior, David Pope, Yves Montagne, Tanino Liberatore, Milo Manara, Gipi, Decaux, Catel, Al-Azar e tantissimi altri illustratori, vignettisti e fumettisti di fama mondiale. Non sorprende quindi la scalata di Charlie Hebdo, La BD Est Charlie all'interno della classifica dei fumetti più venduti su Amazon Francia dove il volume, tra le altre cose, si piazza addirittura decimo nella top ten dei libri più venduti in assoluto. L'operazione è andata sicuramente a buon fine e nessuno può dire che autori e case editrici ci guadagneranno qualcosa perché, come ho detto, tutto il ricavato sarà interamente devoluto alle vittime dell'attentato al Charlie Hebdo.

La BD Est Charlie e il colpo di coda dell'editoria francese

Charlie-Hebdo-La-BD-Est-Charlie-Éditions-Delcourt

Sfidando quelle che sono le regole del mercato, le grandi case editrici di fumetti che si sono riunite per pubblicare Charlie Hebdo, La BD Est Charlie hanno dimostrato com'è facile riuscire a vendere un prodotto se, invece di uscire in fretta e furia per sfruttare l'onda emotiva, si riflette con calma sul dafarsi, senza pubblicare qualcosa per far soldi sfruttando la tragedia del momento. Il riferimento al "libraccio" pubblicato da Corriere della Sera/Rizzoli Lizard ci sta tutto perché, se anche i manager della grande azienda italiana avessero chiesto ai vignettisti a cui hanno rubato i lavori il permesso per pubblicare i contenuti dedicati al Charlie Hebdo, si sarebbe potuto realizzare un libricino tutto italiano con omaggi ben più graditi sia ai lettori che agli stessi autori. La dimostrazione pratica di come si sarebbe dovuto fare arriva proprio da questo Charlie Hebdo, La BD Est Charlie che, in un mercato difficilissimo com'è quello francese, si sta dimostrando un prodotto solido, apprezzato e per nulla retorico.

Il successo di quest'opera sarà sicuramente accolto in maniera molto positiva in Francia dove, a due settimane dalla fine del Festival International de la bande dessinée d'Angoulême 2015, autori ed editori avranno sicuramente discusso di tutte le problematiche relative ai vari contratti e paracaduti previdenziali che i fumettisti francesi hanno lamentato nel corso del 2014. Problematiche che non hanno niente a che vedere con Charlie Hebdo, La BD Est Charlie, ma che hanno animato le cronache transalpine relative al fumetto da un bel po'. Sarà quindi cura degli editori francesi ed internazionali andare incontro alle (giuste) lamentele degli autori francesi che, spendendosi molto per la causa, hanno ora bisogno di una mano per "tirare a campare". Ed il colpo di coda all'editoria lanciato con Charlie Hebdo, La BD Est Charlie dimostra che il fumetto è più vivo che mai!

In alto trovate un video relativo all'ultimo Festival International de la bande dessinée d'Angoulême pubblicato da AFP, dove si parla dell'attentato al Charlie Hebdo e di come gli organizzatori della fiera hanno deciso di omaggiare le vittime dell'attentato.

via | Bleeding Cool

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.