Doctor Who a fumetti, Paul Cornell scriverà un crossover su ben tre Dottori!

Il decimo, l'undicesimo e il dodicesimo Dottore uniranno le forze nel crossover estivo che la Titan Comics dedicherà alla serie a fumetti di Doctor Who, serial amato da almeno tre generazioni di telespettatori!

A darne notizia è Comic Book Resources che, oltre ad annunciare la composizione della miniserie (che sarà suddivisa in cinque capitoli pubblicati da metà agosto fino a settembre 2015), ci informa che lo scrittore di questo evento eccezionale è nientepopodimeno che...Paul Cornell! Si, avete capito bene: uno degli autori che più a contribuito alla stesura di alcune delle storie più belle di Doctor Who sarà investito nel difficile ruolo di mattatore degli eventi che coinvolgeranno le testate di Doctor Who: The Tenth Doctor, Doctor Who: The Eleventh Doctor e Doctor Who: The Twelfth Doctor! Conosciuto dagli amanti dei fumetti supereroistici come colui che ha "ucciso" il povero Wolverine marveliano, Cornell è uno dei romanzieri più apprezzati dagli amanti della serie inglese che, grazie alle opere pubblicate dall'autore, hanno appreso parecchie informazioni sui personaggi del serial sci-fi che la BBC manda in onda sin dal lontano 1963. Ma perché questa miniserie della Titan Comics è un evento che gli appassionati telespettatori delle avventure dei vari dottori (e sono tantissimi, più di quanti possiate immaginare) non devono perdere per nulla al mondo?

Tre dottori in un colpo solo!

Doctor-Who-Comics-Cover

Le informazioni su questo crossover sono davvero scarsissime e Paul Cornell, che è sempre stato un autore molto preciso e pignolo, non credo che rilascerà dichiarazioni fino a quando non riceverà il semaforo verde dalla Titan Comics. Al momento sappiamo che uno dei personaggi principali della miniserie sarà Clara Oswald (attuale compagna del Doctor Who televisivo) che, insieme a Gabriella Gonzalez e Alice Obiefune (compagne dei dottori precedenti), aiuterà il Decimo, l'Undicesimo e il Dodicesimo (dottori che, nell'ordine, sono stati interpretati da David Tennant, Matt Smith e Peter Capaldi) a risolvere gli enigmi di questa nuova avventura. Un'avventura che, per la prima volta in assoluto, vede riunite ben venti rigenerazioni di Dottori in un colpo solo! Se non si fosse ancora capito, è proprio questa la peculiarità della miniserie, e sarà sicuramente molto bello vedere in azione non uno, non due ma bensì tre Dottori in un colpo solo...praticamente è un team-up di Dottori stile supereroistico, ma con protagonisti tre dei personaggi più intriganti del panorama televisivo inglese!

L'idea di vedere questi tre dottori su carta è sicuramente una prospettiva allettante perché, qualora i fan apprezzeranno questa miniserie, i manager della BBC potrebbero anche iniziare a pensare di trasporre qualcosa di simile anche sul piccolo schermo, dando così ai personaggi la possibilità di esprimersi in maniera più corale. Recuperare i vecchi dottori e riportarli qui sotto una nuova luce sarebbe un'operazione facilmente contestualizzabile e, considerata la bravura di Cornell per questo genere di esperimenti narrativi (non dimentichiamoci che l'autore ha scritto anche qualche episodio della serie), alla BBC potrebbero decidere di affidare a lui e al nutrito parco di screenwriter della serie la realizzazione di puntate speciali con protagonisti due o più Dottori.

Però, parallelamente a quanto accade con gli altri fumetti relativi alla serie TV inglese, pare che nessuno degli editori italiani sia interessato all'acquisto dei diritti per la pubblicazione di questi prodotti sul suolo italico. Quindi, almeno per il momento, dovete confidare in qualche editore italiano che si prenda in carico la pubblicazione dei fumetti della Titan Comics...ma la vedo dura, molto dura!

via | Comic Book Resources

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.