L'anime Yuru Yuri ottiene una terza stagione televisiva

YuruYuri torna con una terza stagione anime. Ecco tutti i dettagli in merito al progetto.

L'anime Yuru Yuri tornerà con una terza stagione televisiva. L’annuncio è stato lanciato dalla stessa mangaka Namori, in occasione dell’evento Yuruyuri Nachu Yachumi! P's Live Chokuzen! Goraku-bu Live Playback". La serie manga Yuru Yuri (che potrete trovare anche con il titolo YuruYuri) è stata lanciata in Giappone a partire dal 2008, e conta attualmente la pubblicazione di 13 volumetti. La serie è stata prima pubblicata sulle pagine della rivista Comic Yuri Hime S, e poi sul Comic Yuri Hime. Nel 2011 è stato realizzato il primo adattamento ispirato alla serie, adattamento realizzato dallo studio Dogakobo, e seguito da una seconda stagione trasmessa a partire dal 2012.

Il manga ha anche ispirato la realizzazione di alcuni adattamenti OAV, ad opera dello studio TYO Animation. Ma detto questo, in attesa di ulteriori dettagli sul nuovo anime, ecco qual è la trama della serie che ha ispirato questo nuovo progetto!

YuruYuri, la trama della serie

Yuru Yuri

La serie manga originale Yuru Yuri ruota intorno alle vicende vissute da un gruppo di ragazze che frequentano le scuole medie. Due delle nostre protagoniste, Ky?ko Toshin? e Yui Funami, fondano il Club del Divertimento, occupando la stanza che, in precedenza, era stata assegnata al Club della cerimonia del tè. In seguito Akari Akaza, un'amica di Kyoko e Yui, e Chinatsu Yoshikawa, entrano a far parte del club. Noi seguiremo dunque le vicende di vita quotidiana vissute dalle nostre giovani protagoniste …

Per il momento è tutto, per cui non ci rimane che attendere ulteriori aggiornamenti e news in merito alla nuova stagione anime in uscita!

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

via | ANN

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.