La DC Comics aumenterà l'offerta di fumetti con personaggi LGTB?

Da qualche anno a questa parte, la DC Comics ha introdotto nelle sue storyline tutta una serie di personaggi LGTB che, ed è sotto gli occhi di tutti, stanno realizzando un piccolo miracolo: la parità di genere nei fumetti.

Mi rendo conto che la "parità di genere" è usata soprattutto per indicare quella che dovrebbe essere una giustissima rivendicazione del ruolo della donna all'interno della società, ma in questo caso sento che è assolutamente necessario usare questa terminologia per sottolineare l'importanza che la DC Comics sta dando alla sessualità dei suoi personaggi, siano loro maschietti o femminucce. L'ultimo esempio di questa strategia di scoperta della sessualità dei supereroi targati DC Comics è sicuramente Midnighter che, pur essendo un personaggio nato su una testata della Wildstorm (su Stormawatch, per l'esattezza), farà presto il suo debutto anche nell'universo DC mantendendo intatte tutte le caratteristiche che Warren Ellis e Bryan Hitch gli avevano cucito addosso, omosessualità compresa. Incuriositi dall'ennesima riproposizione di tematiche LGTB nell'intricato DC Universe, lettori e fans delle vecchie storie di Midnighter si sono fiondati sulla pagina Twitter di Steve Orlando, autore del rilancio del personaggio, per chiedergli se sapeva qualcosa di più circa la sessualità di altri eroi e supereroi. Orlando è stato molto gentile con i lettori e, quando si è parlato di Constantine, l'autore ha confermato quello che tutti già sapevamo da tempo: il buon John tornerà ad essere bisessuale, e questo potrebbe trasparire anche sulle pagine delle storie a lui dedicate! Ma quali sono gli altri supereroi della DC Comics che stanno scoprendo (o riscoprendo) la loro sessualità? E perché la casa editrice americana si sta intrufolando nelle camere da letto dei nostri personaggi preferiti?

Supereroi LGTB: una forzatura? Assolutamente no!

Midnighter-DC-Comics

Se parliamo di personaggi della DC Comics che professano liberamente la loro sessualità, la prima eroina che mi viene in mente è sicuramente Batwoman che, tra le altre cose, avrebbe dovuto sposarsi proprio sulle pagine della sua testata. Peccato che la casa editrice americana non riuscì ad essere tanto coraggiosa da compiere questo passo che, paradossalmente, è venuto benissimo alla Marvel quando, qualche anno fa, ha deciso di far sposare Northstar e il suo fidanzato Kyle sulle pagine delle testate mutanti (quando ancora valevano qualcosa). Un altro personaggio che è sempre vissuto sul filo dell'ambiguità sessuale è Harley Quinn che, oltre ad amare alla follia Joker, si è spesso concessa alle attenzioni di Poison Ivy, creando una specie di triangolo amoroso che piaceva molto ai lettori della vecchia continuity. Di recente abbiamo la scoperta dell'omosessualità di Alan "Earth 2" Scott e la bisessualità di Catwoman, personaggio (quest'ultimo) che molti avevano sempre creduto etereosessuale fino al midollo...almeno, fino a quando non ha scoperto di poter amare anche altre donne. Un altro personaggio gay introdotto da poco nella continuity del DC Universe è Bunker, giovane supereroe dei Teen Titans che si è fatto conoscere dal grande pubblico soprattutto per la struggente e sofferta storia d'amore con il suo compagno, un ragazzo messicano che fino a qualche tempo fa versava in una specie di coma che sembrava irreversibile. E non dimentichiamoci di Alysia Yeoh, compagna di stanza di Barbara Gordon e personaggio dichiaratamente (ed orgogliosamente, come è giusto che sia) transgender!

Ma perché la DC Comics si sta interessando così tanto all'orientamento sessuale dei suoi personaggi? Sarebbe scontato dire che i tempi cambiano, ma a conti fatti è esattamente così: rispetto agli anni ottanta e novanta, i lettori di oggi sono abituati a sentir parlare di omosessualità, bisessualità e transgender, quindi è giusto che si dia ai ragazzi la possibilità di ritrovare quelle tematiche anche nei fumetti. Ad alcuni può sembrare una forzatura dover cambiare in tutta fretta l'orientamento sessuale di alcuni personaggi, ma infondo nessuno si è mai intrufolato tra le lenzuola dei supereroi fino al punto di capire quanto questi apprezzino il sesso eterosessuale o omosessuale, quindi queste modifiche ci stanno tutte. E poi, diciamoci la verità: sarebbe davvero noioso se tutti i supereroi fossero eterosessuali!

Con la speranza che questa parità di genere faccia bene alla DC Comics, pubblico per voi un bel contenuto di THINKAboutTheINK (canale Youtube dedicato ai fumetti) che parla di omosessualità e comics. Guardatelo, perché è davvero ben fatto!

via | Bleeding Cool

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.