Strike the Blood, OVA in vista per la serie

L’OVA Strike the Blood uscirà in Giappone entro la fine del 2015. Ecco i primi dettagli in merito al progetto.

Strike the Blood OVA – Buone nuove in vista per i fan della serie Strike the Blood! In occasione del recente "Dengeki Festival 2015" è stato annunciato che la fortunata serie light novel ha ispirato la realizzazione di un original video anime (OVA). L’anime sarà suddiviso in due parti, e narrerà una storia del tutto originale, realizzata dallo stesso Gakuto Mikumo, autore della serie cartacea, realizzata in collaborazione con Manyako, che ne ha creato le illustrazioni.

Secondo le prime indiscrezioni, il nuovo OVA uscirà in Giappone entro la fine di quest’anno, e di certo in questi mesi saranno rivelati ulteriori dettagli sul progetto.

Intanto, ecco qualche curiosità in più in merito alla serie che lo ha ispirato!

Strike the Blood, la trama della serie

Strike the Blood OVA

Quella narrata nella serie Strike the Blood è una storia di genere school action fantasy, storia che ruota intorno alle vicende vissute da Kojo Akatsuki, un giovane e potenzialmente pericolosissimo vampiro che potrebbe distruggere l’intero Giappone, se solo lo volesse. Per tenere a bada il nostro protagonista, è stata mandata una giovane ragazza di nome Yukina Hirameki, un membro dell’organizzazione governativa “Lion“, il cui preciso ordine è quello di uccidere il pericoloso vampiro, qualora questo dovesse in qualche modo mettere a rischio la sicurezza del Giappone.

La light novel ha già ispirato la creazione di un adattamento anime televisivo, realizzato da Silver Link e Connection, e trasmesso a partire dal 2013.

Per il momento è tutto, per cui non ci rimane a questo punto che attendere ulteriori dettagli e informazioni in merito al nuovo OVA in uscita!

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

via | ANN

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.