Preacher serie TV, Ruth Negga sarà la Tulip O'Hare televisiva

Dopo tante speculazioni, la AMC ha finalmente rivelato il nome del primo casting di Preacher, serie televisiva dedicata al fumetto di Garth Ennis e Steve Dillon...

Finalmente la AMC ha deciso di fare le cose per bene e, tramite un comunicato stampa che ha fatto subito il giro del web, scopriamo che il primo personaggio del serial TV dedicato a Precher sarà interpretato dall'attrice Ruth Negga, che presterà il suo volto alla bella Tulip O'Hare! Come ho detto, la notizia si è diramata a macchia d'olio anche perché, dopo tanti anni di tira e molla e annunci caduti nel vuoto, nessuno credeva che il progetto di portare Preacher sul piccolo schermo si sarebbe concretizzato in tempi brevi. Ed invece la AMC, che ormai è diventata una vera e propria "corazzata televisiva", ha dimostrato di sapere il fatto suo e di credere fortemente nella storia scritta da Garth Ennis e disegnata da Steve Dillon per la Vertigo. Peccato che, da quanto leggo, molti dei lettori di Preacher non sembrano apprezzare la scelta dei produttori: pur essendo una ragazza bellissima e già molto famosa (l'attrice sta interpretando Raina in Marvel's Agents of S.H.I.E.L.D., ed è stata la Nikki della seconda stagione di Misfits), la Negga non sembra incarnare le fattezze della biondissima ed atletica Tulip O'Hare, personaggio che la bella etiope-irlandese dovrà interpretare nel serial. Ma sono sicuro che la Negga si farà subito amare dai telespettatori americani perché, oltre ad essere una bellissima (e giovanissima) ragazza, l'attrice ha dimostrato di sapere il fatto suo recitando parti spesso molto controverse ed affascinanti. A questo punto urge un piccolo riassunto sulla figura di Tulip O'Hare anche perché, pur essendo uno dei personaggi di punta di Preacher, qualcuno di noi potrebbe aver dimenticato di chi stiamo parlando!

Tulip O'Hare: l'amore oltre la morte

ABC's "Marvel's Agents of S.H.I.E.L.D." - Season One

Unica figlia di Jake O'Hare, Tulip è stata un ragazza cresciuta in maniera molto particolare: Jake voleva che sua moglie desse alla luce un maschietto e, quando la madre di Tulip morì poco dopo il parto, il padre della ragazza dovette crescere la bambina tutto da solo. Non che la cosa gli dispiacesse, visto che aveva deciso di fare di Tulip il suo "figlio maschio", ma l'addestramento da tiratore che la piccola dovette sopportare (con piacere, tra l'altro, visto che Tulip adorava suo padre) fu unito ad una serie di piccole regole e comportamenti che Jake impose a sua figlia per far si che diventasse completamente indipendente. Un comportamento un po' troppo "reazionario", ma funzionale. E forse Jake fu previdente perché, quando Tulip aveva solo tredici anni, il padre della ragazza morì in un incidente di caccia, lasciando sua figlia nell'età più difficile per una ragazza. Ma Tulip è riuscita a cavarsela benissimo da sola e, anche grazie agli insegnamenti di Jake, questa riuscì a farsi strada tra amicizie importanti e grandi amori...o meglio, un solo grandissimo amore: quello per Jesse Custer!

Tulip è un personaggio importantissimo nelle dinamiche di Preacher e, insieme a Jesse e al vampiro Cassidy, la ragazza è sicuramente uno degli elementi più amati del fumetto. Le sue disavventure, la sua passione sfrenata per Jesse e tutte le vicende che la legano a Cassidy sono, a conti fatti, tra gli spunti più interessanti ed umani di una faccenda che di umano ha poco o nulla!

Speriamo che la Negga riesca a farsi amare come la bella Tulip, ma visto che l'attrice è davvero molto bella, credo che la cosa non sia poi così impossibile! Nel frattempo, giusto per ricordarci cos'è Preacher, pubblico con piacere una videorecensione dei ragazzi di Broken Comics.

via | Newsarama

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.