Classroom Crisis, anime in arrivo a Luglio 2015

Classroom Crisis è il titolo del nuovo anime in uscita a Luglio 2015. Ecco i primi dettagli in merito al progetto.

Classroom Crisis è il nuovo anime che uscirà in Giappone a Luglio 2015. Proprio in questi giorni, attraverso il sito ufficiale del nuovo progetto in arrivo, è stato pubblicato il primo teaser trailer della serie, grazie al quale apprendiamo i nomi dei membri dello staff che si cimenteranno nella sua realizzazione. Alla direzione del progetto troveremo dunque Kenji Nagasaki (Gundam Build Fighters, No. 6), mentre Hiro Kanzaki e Fumiaki Maruto si occuperanno rispettivamente del character design e delle sceneggiature.

La realizzazione dell’anime è stata affidata allo studio Lay-duce (Magi: Adventure of Sinbad, Go! Go! 575). Ma detto questo, in attesa di ulteriori dettagli in merito al progetto, ecco quale sarà la trama della nuova serie animata in arrivo!

Classroom Crisis, la trama della serie

Classroom Crisis anime

Quella narrata nella nuova serie anime "Classroom Crisis" sarà una commedia romantica scolastica/lavorativa. La storia seguirà le vicende vissute dai "personaggi affascinanti" disegnati da Kanzaki. I nostri protagonisti vivono in un futuro non molto lontano, e si ritroveranno a dover fare i conti con i problemi e le classiche tribolazioni degli studenti, ma non solo! Seguiremo in particolar modo le vicende vissute da due ragazze, Irisu e Mizuki.

La frase riportata nel breve teaser dell’anime recita: “Il modo più sicuro per avere successo è quello di provare almeno una volta. La nostra più grande debolezza consiste nella rinuncia”.

Per il momento è tutto, per cui non ci rimane a questo punto che attendere tutti i nuovi dettagli in merito all’anime in arrivo!

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

via | ANN
Foto | YouTube

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.