Graphic News, nato il primo portale di graphic journalism interamente italiano

La notizia sta facendo rapidamente il giro del web, ma noi di Comicsblog sapevamo già della nascita di Graphic News, primo (e finora unico) portale di graphich journalism interamente italiano!

Nato con l'intenzione di voler "disegnare la notizia", il portale Graphich News è un'idea di Pequod, una società cooperativa di Bologna dove quattro tra autori, disegnatori e giornalisti italiani sono riusciti, grazie all'interessamento dell’associazione Mirada di Ravenna e al supporto del bando Culturability della Fondazione Unipolis, a concretizzare un piano editoriale che è nato sotto tutti i buoni auspici del caso. A informarci del progetto è stato il nostro amico ed autore/disegnatore Cisco Sardano che, entusiasta per come si stavano muovendo i ragazzi di Graphic News, ci ha subito fornito tutti i dettagli di questa importante ed originale iniziativa editoral/multimediale. Ma di cosa si occupa, nello specifico, Graphich News? Il nome del progetto dice tutto, ma per capire esattamente di cosa stiamo parlando, è necessario rimarcare qui la visione di Cristina, Emanuele, Francesca, Giulia, Marco e Mattia, i sei autori che hanno iniziato a disegnare le prime notizie che appaiono sul portale bolognese, e per farlo dobbiamo assolutamente parlare di alcune delle tematiche scelte dai ragazzi. Tematiche forti, sociali e di grandissimo impatto emozionale: la chiusura degli ultimi ospedali psichiatrici giudiziari, il progetto di accoglienza organizzato da alcuni ex rifugiati di Lampedusa, le storie delle prostitute abbandonate di Bologna e gli ottimi risultati di una campagna di finanziamento per delle start-up palestinesi sono i primi lavori che appaiono su Graphic News che, come avete capito, si occupa di raccogliere queste piccole e grandi realtà per trasformarle in fumetti. E ben consci che la nona arte è il medium più potente per questo tipo di storie, gli autori di Graphic News hanno deciso di lanciarsi in questo progetto di giornalismo 3.0 con tutto l'entusiasmo e la passione di chi vuole raccontare la realtà senza veli o censure di sorta.

Graphic Journalism: il coraggio di raccontare

Graphic-News-Home

Raccontare delle notizie così difficili non dev'essere stato facile per i ragazzi di Graphic News che, e vi consiglio di dare subito un'occhiata al portale, hanno deciso di rendere la lettura delle storie in maniera decisamente originale, mischiando la potenza dell'arte sequenziale magistralmente descritta dal grande Scott McCloud con un sistema di scorrimento che riesce quasi ad "animare" la notizia stessa. Un'opportunità che Joe Sacco, Guy Delisle e Zerocalcare non sono riusciti a sfruttare, ma che a conti fatti riesce a dare alla storia un carattere più scorrevole e meno "opprimente". Che il futuro del graphic journalism sia quello tracciato da Graphic News? Questo non lo so, ma le nuove tecnologie sono sempre riuscite a dare man forte ai fumettisti italiani ed internazionali che, con spirto corsaro e voglia di stupire, hanno approfittato delle nuove opportunità della "smart-era" per produrre e divulgare i loro lavori in maniera più semplice e immediata.

Ma il graphic journalism è anche (e soprattutto) "vita vera", quindi è importantissimo che gli autori guardino con i loro occhi la realtà che si apprestano a raccontare. Per quanto le nuove tecnologie ci aiutino a capire e comprendere situazioni che fino a qualche tempo fa sembravano lontanissime, gli occhi dell'autore sono lo specchio della storia stessa, che in lui deve crescere e germogliare come un ciliegio in primavera. Ed è per questo che il graphic journalist deve avere anche il coraggio di raccontare le cose anche secondo il suo punto di vista, perché la sensibilità dell'autore è spesso la chiave del successo di queste opere.

Augurando ai ragazzi di Graphic News ogni bene possibile, vi consiglio di dare subito un'occhiata al sito, di cui trovate il rimando proprio qui in basso. E se l'argomento graphich journalism è di vostro interesse, potete guardare il video intervento di Wendy McNaughten al CM 2013 di San Francisco.

via | Graphic News

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.