Death Note, la trama del manga di Tsugumi Oba e Takeshi Obata

Death Note è una serie manga avvincente, nata dalla collaborazione fra Tsugumi Ōba e Takeshi Obata. Ecco la trama e qualche curiosità sulla serie.

Death Note trama


Death Note trama – Siete alla ricerca di una serie manga adrenalinica ed appassionante? Allora vi consigliamo di leggere "Death Note", manga realizzato da Tsugumi Ōba e Takeshi Obata, e pubblicato in Giappone dal 2003 al 2006. Il titolo originale della serie è scritto in maiuscolo (DEATH NOTE), dettaglio che in Italia sembra non sia stato rispettato. Nel nostro Paese la serie manga è stata portata da Planet Manga, ed è stata pubblicata dal 2006 al 2008.

Oltre al manga originale, Death Note ha ispirato la realizzazione di serie animate, adattamenti live action, videogiochi e light novel. Il nuovo e più recente progetto legato alla serie è rappresentato proprio da un adattamento live action, che vedrà la direzione di Adam Wingard.

Ma detto questo, scopriamo qual è la trama di questa serie manga, e perché il fumetto ha appassionato lettori praticamente in tutto il mondo!

La trama di Death Note

La serie Death Note ruota intorno alle vicende vissute da un giovane studente modello, un ragazzo di nome Light Yagami che un giorno si ritrova fra le mani un misterioso quaderno chiamato Death Note, un quaderno che è stato gettato sulla Terra dallo shinigami (un dio della morte) Ryuk, e che ha il potere di porre fine alla vita di coloro il cui nome verrà scritto al suo interno.

Intenzionato a porre fine alla criminalità nel mondo, Light inizia così ad uccidere a distanza alcuni dei criminali più famosi, ma queste morti improvvise finiranno per destare i sospetti di Elle, famoso investigatore privato che cercherà di scoprire l’identità del serial killer, soprannominato Kira, che si nasconde dietro questa ondata di omicidi.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.