Rat-Man chiude, Leo Ortolani annuncia (nuovamente) la fine della testata

La notizia di questi giorni è sicuramente l'ennesimo annuncio di Leo Ortolani che, intervistato dai giornalisti de La Stampa, ha annunciato nuovamente la chiusura di Rat-Man...

Rat-Man chiude - Non è la prima volta che Leo Ortolani annuncia la chiusura di Rat-Man, fumetto che l'autore pisano trapiantato a Parma ha creato ben venticinque anni fa e che, dopo tante peripezie, è riuscito a diventare uno dei prodotti di punta della Panini Comics. Come lo stesso Ortolani ha ricordato durante la video intervista a La Stampa, fu nel lontano 1997 che l'autore, con una "sparata", annunciò la chiusura di Rat-Man con il numero #100 della testata. Una chiusura che, come abbiamo visto, Ortolani non è riuscito a concretizzare. I motivi ce li spiega lo stesso autore: essendo diventato un fumetto ben più ampio e complesso rispetto al passato, Ortolani ha bisogno di tempo per chiudere tutte le trame e sottotrame di Rat-Man quindi, almeno per il momento, il "rischio chiusura" è scongiurato fino a quando l'autore non avrà concluso degnamente i dettagli che sono rimasti ancora incompleti. Ortolani ha poi scherzato dicendo che l'annuncio della chiusura di Rat-Man con il numero #118 era un pesce d'aprile, ma ormai siamo arrivati al numero #108 di Rat-Man e, secondo me, il buon Leo non si è poi allontanato molto da quello che dovrebbe essere l'ultimo capitolo delle avventure di Deboroh La Roccia...

Ma quando chiuderà Rat-Man?

Rat-Man-Gigante-Cover

Leo Ortolani è una persona splendida, ma è anche un autore attento e puntiglioso, cosa che gli è valsa parecchi attestati di stima. Le qualità di Ortolani come disegnatore e fumettista non sono in discussione, così come non sono in discussione le storie pubblicate su Rat-Man da ormai venticinque anni a questa parte. L'unica pecca che possiamo imputare al comportamento di una persona corretta come Ortolani è appunto l'incapacità, da parte dell'autore, di fornirci una data esatta della chiusura di Rat-Man. Sicuramente "Il Leo" sa già come e quando Rat-Man deve finire e il voler nascondere ai lettori quale sarà il numero finale è un modo per tenere tutti incollati al mensile fino all'ultimo albo. Ma Rat-Man non è Spider-man, quindi Ortolani potrebbe rischiare il tutto per tutto e dire a noi lettori "Ok ragazzi, Rat-Man chiude con il numero..." ed è sicuro che, chi segue la testata da anni, continuerà comunque a comprarlo per sapere come va a finire. E lo dice uno che non compra solo il Rat-Man Collection, ma un lettore che acquista i Rat-Man Color Special, i Rat-Man Gigante e tutti gli albi speciali/spin-off dedicati al personaggio!

La mia non è una critica a Leo Ortolani perché, proprio dai suoi fumetti, ho imparato ad amare la nona arte e tutto quello che ruota attorno alle produzioni italiane dedicate al fumetto. Il mio è più uno sfogo di un lettore che, arrivato a questo punto, vorrebbe tanto sapere quando uno dei suoi autori preferiti, dopo tanti annunci e "sparate", concluderà degnamente una delle saghe a fumetti più lette d'Italia. Conoscendo Ortolani, sono sicuro che questa "boutade" da parte di un lettore curioso come il sottoscritto sarà l'ennesima riprova che la sua strategia comunicativa funziona alla grande, ma spero davvero che "Il Leo" voglia rompere gli indugi comunicandoci al più preso un numero e una data. Anche per rispetto a tutti quei lettori che, come me, chiedono da anni di sapere quando Rat-Man terminerà la sua lunga cavalcata...

Vi consiglio di guardare la video-intervista ad Ortolani realizzata da La Stampa perché, oltre a parlare della chiusura di Rat-Man, Ortolani ipotizza anche il ritorno del personaggio sul piccolo schermo. Una cosa che, se ripresa fedelmente dal fumetto originale, potrebbe essere una vera ventata di freschezza nello stantio e vetusto universo dell'animazione "Made in Italy".

via | La Stampa

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.