Iran, l'artista Atena Farghadani condannata a 12 anni di prigione per una vignetta

Passati i tempi del #JeSuisCharlie, i politici italiani ed internazionali sembrano aver dimenticato quanto può essere difficile fare satira in alcune parti del mondo...

Atena-Farghadani-Iran

Ed un intervento di qualche organo internazionale sarebbe auspicabile perché, come riportato dal The Washington Post, la ventottenne artista Atena Farghadani rischia di passare ben dodici anni e nove mesi nelle carceri iraniane per una vignetta giudicata dalla Corte Rivoluzioaria di Theran come "un insulto" ai membri del parlamento guidato da Hassan Rouhani. La vignettista, che ha dovuto aspettare un anno prima che la sentenza fosse pronunciata, ha "osato" ritrarre i politici iraniani come mucche e scimmie, ironizzando sulla scelta del governo di Theran di limitare l'uso dei contraccettivi e di eliminare il controllo sulle nascite.

La cosa orribile è che Atena potrebbe pagare una pena più grande di quella prevista dalla legislazione iraniana per questo tipo di reati, visto che il periodo di detenzione per "propaganda contro il sistema" e "insulto del parlamento per mezzo di immagini" è punito con un massimo di sette anni e sei mesi.

Perché la comunità internazionale non si è ancora schierata dalla parte di Atena?

via | The Washington Post
Foto | The Washington Post

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.