Sacro/Profano: il contest musicale rock Chi vuol essere Scassaballe?

Arriva Chi vuol essere Scassaballe?: tutti pronti per il contest che ci permetterà di trovare la band ufficiale 2015 di Sacro/Profano?

Sacro Profano

Sacro/Profano - Notizia interessante per tutti i fan di Sacro/Profano: è stato istituito un contest per nominare la band ufficiale 2015 di Sacro/Profano. Se siete interessanti alla cosa, sappiate che i vincitori verranno proclamati niente meno che durante il Cartoon Village che si svolgerà a Manciano in provincia di Grosseto, dal 10 al 12 luglio. I trionfatori potranno esibirsi in pubblico (debitamente truccati) con un pezzo del tutto inedito realizzato dai Raggi Fotonici. I personaggi del fumetto creato da Mirka Andolfo e pubblicato dalla Edizioni Dentiblù sono ormai diventati un vero e proprio fenomeno cult: prima webcomic, poi fumetto cartaceo e adesso la serie diventerà la protagonista di canzoni rock. Questo contest è stato ispirato dai character della storia, coinvolti in una improbabile storia d'amore: Angelina, angelo dolce e sensuale e Damiano, diavolo rachitico e sfortunato.

Il titolo di questo contest musicale è "Chi vuol essere Scassaballe?" ed è un omaggio alla band "Gli Scassaballe", il gruppo formato da Damiano insieme ad altri due amici. Il concorso è rivolto prettamente alle giovani rock band italiane: per partecipare dovranno essere formate da un minimo di tre a un massimo di sei membri. Per iscriversi dovranno semplicemente andare sul link https://www.dentiblu.it/bando-ChiVuolEssereScassaballe.pdf oppure sulla pagina Facebook di Edizioni Dentiblù o di Sacro/Profano: qui dovranno compilare gli appositi moduli. Chi vincerà questo contest? E fin dove ci porterà Sacro/Profano?

Foto | Screenshot dal video di YouTube

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.