Persepolis, una studentessa americana ha richiesto la rimozione del fumetto dal corso di inglese

Non è la prima volta che Persepolis di Marjane Satrapi diventa oggetto di critica da parte di studenti, professori e genitori americani, ma stavolta le cose sembrano essere sfuggite di mano!

Persepolis-Cover

La storia proviene da Yucaipa, in California, dove la studentessa americana Tara Shultz è riuscita a far parlare di se chiedendo, anche grazie all'aiuto di genitori e altri collegiali, la rimozione del graphic novel Persepolis di Marjane Satrapi dal corso di Inglese 250 del Crafton Hills College. Giudicato come troppo violento ed inadatto alla comprensione del medium fumetto, la Schulz ha approfittato della ghiotta occasione per mettere nello stesso calderone anche The Sandman: The Doll’s House di Neil Gaiman, Y: The Last Man di Brian K. Vaughn e Fun Home di Alison Bechdel, bollati come sessualmente diseducativi e poco adatti al pubblico a cui sono rivolti.

Ma la replica di Ryan Bartlett, il professore che da sei semestri gestisce il corso di Inglese 250, è stata perfetta sotto ogni punto di vista: le storie sono state scelte perché, al pari dei grandi libri della letteratura mondiale, parlano di temi di grande importanza mettendo al primo posto le reazioni dei personaggi e la loro moralità.

Ci hai provato, Tara...ora ti tocca studiare Persepolis!

via | Robot 6 - CBR

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.