Si è spento Fernando Fusco, storico disegnatore di Tex

E' venuto a mancare il 9 agosto Fernando Fusco, storico disegnatore di Tex.

E' stata diffusa dalla Sergio Bonelli Editore una triste notizia: il 9 agosto 2015 si è spento Fernando Fusco.

Chi è questo artista? E' un disegnatore storico di Tex. La casa editrice l'ha inserito tra gli autori che negli ultimi quarant'anni hanno caratterizzato maggiormente il più importante tra gli eroi Bonelli, mettendo in evidenza il suo tratto dinamico, riconoscibile, vigoroso ed incisivo.

Fusco si è spento a causa di una grave malattia, lasciando un gran vuoto nel cuore dei lettori, visto che durante la sua carriera si è sempre dimostrato tra i disegnatori più prolifici e puntali di sempre. Sappiamo di lui che è nato a Ventimiglia il 1° agosto 1929 ed ha fatto il suo debutto da professionista nel lontano 1948, realizzando alcuni episodi di "Jeff Cooper".

Ha vissuto e lavorato in Francia, a partire dal 1957, per ben tredici anni successivi, e qui ha creato "Scott Darnal" per le Éditions Mondiales di Cino del Duca, "Cendrine" e "Esperanza" (Éditions Montsouris). Inoltre, ha illustrato svariate storie destinate per i quotidiani, grazie alle commissioni della Mondial Press. E' stato scelto anche per occuparsi dell'adattamento a fumetti di alcune serie televisive (per Sagéditions), come "Bonanza", "Tarzan", "Penna di Falco", "Il cavallo di ferro".

Ritorno in Italia ed esordio su Tex

fusco

Nel 1968 ha collaborato con Intrepido, per poi tornare in Italia definitivamente nel 1970, dove la Casa editrice Universo gli ha permesso di pubblicare le serie western "Lone Wolf" e "I Due dell'Apocalisse" (sui testi di Luigi Grecchi). Il suo esordio su Tex risale al 1974 con l'albo "L'idolo di smeraldo", scritto da Gianluigi Bonelli).

Ha chiuso la sua carriera bonelliana nel 2010 con l'episodio di Tex intitolato "La banda dei messicani", inserito nell'Almanacco del West 2010 (testi di Claudio Nizzi).

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.