Martin Mystère n.341, la Bonelli presenta Le mille gru di Hiroshima

Ad ottobre sarà pubblicato Martin Mystère n.341, con la storia Le mille gru di Hiroshima.

bonelli

La Sergio Bonelli Editore ha annunciato che il 10 ottobre 2015 sarà pubblicato l'albo Martin Mystère n.341, contenente la storia intitolata Le mille gru di Hiroshima. Il bimestrale tornerà con un'avventura ambientata a più di settant'anni dalla grande esplosione. Una cosa è certa: la luce del fuoco atomico non sarà mai dimenticata nel Paese del Sol Levante!

Il Martin Mystère n.341 è stato scritto e sceneggiato da Andrea Cavaletto, disegnato da Roberto Cardinale (Kepher) e Fabio Piacentini e presentato da una copertina di Giancarlo Alessandrini. Per realizzare la cover, l'artista ha scelto alcuni elementi caratterizzanti del Sol Levante: i samurai e gli origami.

Possiamo rivelarvi la sinossi di quest'albo. Le mille gru di Hiroshima prende il via con un evento misterioso: un oggetto volante sconosciuto, forse partito dal Giappone, si è schiantato contro la Stazione Spaziale Internazionale. All'impatto l'oggetto si è sgretolato in migliaia di piccole gru di carta.

Il fuoco atomico non muore mai

Dopotutto, l'incidente non ha provocato alcun danno, ma ha solo generato una profonda inquietudine. Infatti, a parere di molti, il lancio sarebbe stato ordinato un ignoto gruppo terroristico e potrebbe essere un avvertimento. L'unico in grado di risolvere questo mistero sembrerebbe proprio il Detective dell’Impossibile.

Martin verrà chiamato nel Paese del Sol Levante per rilasciare un suo parere in merito all'accaduto, ma si ritroverà coinvolto in un conflitto in cui si scontreranno criminali dotati di mortali armi-origami ed santoni che venerano la Dea del Sole Amaterasu.

Su tutto, ancora una volta, incomberà la gelida luce del fuoco atomico che quel dannato 6 agosto 1945 devastò Hiroshima.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.