Quaderni giapponesi, un viaggio con Igort nell’impero dei Manga

E’ un viaggio in un mondo misterioso ed affascinante quello che faremo insieme a Igort, che con i suoi “Quaderni Giapponesi”, ci porta nella patria dei manga … e non solo!

Quaderni Giapponesi

Siete affascinati dal Giappone e dalla sua splendida cultura? Allora il nuovo lavoro di Igort, “Quaderni Giapponesi”, è l’opera che fa davvero al caso vostro! Pubblicata da Coconino Press-Fandango per la collana Dokumenta, “Quaderni Giapponesi” ci porta proprio nel magico e misterioso Paese del Sol Levante, ci invita a conoscere non solo la patria di manga e anime che hanno segnato la nostra infanzia, ed il nostro presente, ma anche le tradizioni giapponesi, la cultura di un Paese che affascina da sempre.

Dopo Quaderni russi e Quaderni ucraini, è quindi il momento del Giappone, protagonista di un lavoro a colori, che nasce innanzitutto su Facebook, dove Igort (Igor Tuveri) pubblica appunti e immagini dei suoi numerosi viaggi in questo splendido Paese, dove - all’inizio degli anni ’90 – lo stesso fumettista è divenuto il primo disegnatore italiano e occidentale a lavorare per le riviste giapponesi.

Nella sua carriera, Igort ha infatti lavorato per la celebre casa editrice Kodansha, ed ha collaborato con i grandi dell’animazione e del fumetto giapponese.

Il Giappone era diventato per me lo scrigno dei desideri e soprattutto il paradiso dei disegnatori. Inebriato dalle vecchie stampe giapponesi, mi ero addentrato in quel mondo di segni apparentemente semplici che celavano una sapienza misteriosa. Avevo convinto me stesso e i miei editor della Kodansha che nella mia vita precedente ero stato giapponese.

racconta l’artista, che ricorda:

In quel soggiorno il mal di Giappone prese ad avvolgermi, sotto la sembianza di una dolce malinconia. Mi rattristava la bellezza antica di questa o quella casa di legno e carta di riso, che scorgevo di tanto in tanto nel mio quartiere. Evocava un passato perduto.

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.