Dance in the Vampire Bund: termina in Giappone il manga di Nozomu Tamaki, in Italia per Ronin Manga

Dance in the Vampire Bund finale

Il mensile Comic Flapper di Media Factory annuncia la fine del manga sui vampiri di Nozomu Tamaki, edito in Italia da Ronin Manga. L’epilogo di Dance in the Vampire Bund è in programma sul prossimo numero della rivista, in vendita il 5 settembre. Per l'occasione la serie occuperà la copertina del magazine e godrà di alcune pagine a colori. Quattordici sono i volumi totali previsti.

In Italia Ronin Manga ha pubblicato finora i primi dieci dei tredici tankobon disponibili in Giappone (l'ultimo dei quali dallo scorso marzo) e ha annunciato su Facebook il seguito della serie per novembre (ipotizzabile in anteprima al Lucca Comics). In corso dal dicembre 2006, il manga ha ispirato il breve anime in 12 episodi prodotto nel 2010 da SHAFT, offerto gratuitamente in streaming esclusivamente sottotitolato sul DYNITchannel in YouTube, e lo spin-off manga Dive in the Vampire Bund, ora in pausa, anche questo nel catalogo Ronin Manga. Il plot dal sito dell'editore: Amore, sensualità, tormento, lotta per la sopravvivenza, razzismo...

Per millenni hanno vissuto nell’ombra, circondati da paure e superstizioni, ma ora è giunto il momento di uscire allo scoperto. Mina Tepes, benché intrappolata in un corpo di bambina, è la ultracentenaria principessa dei vampiri, e sta per dichiarare pubblicamente la loro esistenza al mondo, dando il via alla più grande integrazione razziale che la storia dell’umanità abbia mai vissuto. Un’integrazione pagata a peso d’oro, tanto da risolvere economicamente la questione del debito pubblico del Giappone, che in cambio dovrà concederle il diritto di asilo per ogni vampiro esistente al mondo. Ma non tutti sono d’accordo, né tra gli umani, né tra i vampiri...

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.