One Piece, spoiler capitolo 819

Capitolo davvero importantissimo questo 819 di One Piece dove, tra emozioni e nuove alleanze, Eiichiro Oda piazza un colpo di scena finale di quelli che non dimenticheremo facilmente!

Come sempre, ricordiamo a tutti i lettori italiani di non proseguire nella lettura mentre, se seguite la serializzazione giapponese di One Piece, potete tranquillamente usufruire delle nostre anticipazioni.

Dopo il salto troverete il link di rimando al capitolo 818 e le prime indiscrezioni (confermate e con immagini) del capitolo 819.

Riassunto e spoiler capitolo 818 (link)

Spoiler capitolo 819

one-piece-eiichiro-oda-color-illustration-shonen-jump.jpg

I samurai svelano a Rufy e ai pirati qualcosa di shockante: il padre di Momonosuke ha fatto parte della ciurma di Gol D. Roger e, insieme al Re dei Pirati, l'ex regnante del Paese del Wano è stato su Raftel, il luogo dove si apprende "la verità sul mondo"!

Zoro intuisce che "la verità sul mondo" potrebbe essere il segreto che Doflamingo, Kaido e Ceaser Clown cercavano di estorcere ai samurai e Kinemon, che conferma in pieno la deduzione dello spadaccino, aggiunge un particolare importante alla storia: Lord Oden decise di non rivelare a nessuno "la verità sul mondo" appresa a Raftel, proprio per evitare alla sua famiglia e al suo popolo persecuzioni d'ogni sorta. Kinemon aggiunge che, nel caso contrario, loro avrebbero mantenuto il segreto anche a costo di morire, anche perché Lord Oden non poteva immaginare quanto pericolosi potessero essere i nemici che il Paese del Wano avrebbe dovuto affrontare. Ma Kanjuro, che insieme agli altri samurai non vuole smettere di lottare, rivela ai pirati le ultime parole di Lord Oden: "Aprite le porte del Paese del Wano"!

A Kanjuro fanno coro Gattovipera, Canistrice, Kinemon e Raizo, a dimostrazione di come le parole di Lord Oden siano importanti per tutte le persone che gli sono state vicine. Kanjuro continua dicendo che loro, i guardiani di Lord Oden, ormai sono caduti in vergogna perché non sono stati in grado di proteggere il loro signore, quindi l'unica cosa che gli resta da fare è quella di reclamare giustizia...anche a costo della vita! Da veri samurai quali sono, Kanjuro e gli altri sono pronti a dare la loro vita per il padrone nonostante questo sia ormai morto e sepolto (e questa cosa ce l'ha spiegata bene il saggio Yamamoto Tsunetomo nel libro "Hagakure - Il Codice dei Samurai") e, non riconoscendo il nuovo Shogun del Paese del Wano come legittimo regnante, i nostri sono pronti a lavare l'onta subita mettendo a rischio le loro vite per ucciderlo. Destituire il nuovo Shogun e aprire le porte del Paese del Wano è l'unica cosa che conta per Kinemon e gli altri anche se, come abbiamo appreso nel capitolo 818, Kaido è in combutta con il nuovo signore del Paese. Kinemon sa bene che lotta sarà dura e, nonostante nel paese qualcuno si stia già organizzando per opporre resistenza a Kaido e alle sue truppe, abbattere uno dei quattro Imperatori Pirata non è compito da affidare a uno sparuto gruppo di samurai ribelli. Per questo Kinemon e gli altri sono andati subito a Zou per chiedere aiuto ai Visoni che, da tempo immemore, sono amici del Paese del Wano, come confermato da Canistrice ancora una volta. Gattovipera ricorda a tutti che sia lui che Canistrice sono stati servitori di Lord Oden e che, sin da quando Raizo è sbarcato a Zou, tutti i visoni hanno messo la loro vita al servizio della lunga amicizia che lega il popolo dell'isola-elefante a quello del Paese del Wano. Ma Canistrice, il cui orgoglio sembra davvero ferito, ricorda a tutti che quando è stato tempo di combattere contro uno degli uomini di Kaido (Jack), i visoni si sono lasciati sopraffare subendo una disfatta totale. Franky dice a Canistrice che non è colpa loro se Jack ha usato un'arma subdola come il gas velenoso e il visone, che promette di non commettere più lo stesso errore di valutazione, rivela ai presenti che userà il suo "asso nella manica" per infliggere ai nemici una sonora sconfitta...

Kinemon si rivolge quindi a Rufy e Law e, chiedendo ai pirati di perdonarlo per la richiesta che sta per fare, il samurai propone ai due capitani di unire le forze per sconfiggere Kaido una volta per tutte! Usopp è eccitato dall'idea di poter lottare fianco a fianco con visoni e samurai ma Rufy, rimasto praticamente impassibile, risponde con un secco "No", scatenando le ire del cecchino dei Mugiwara! Usopp chiede a Kinemon di aspettare un attimo e, afferrato il capitano, inizia a percuoterlo dicendo a tutti che deve ficcare "un po' di sale in zucca al quell'idiota del suo capitano" ma Nami, i cui occhi sono illuminati dal simbolo del Berry, dice al compagno che il capitano ha ragione è che devono "negoziare"! Franky e Chopper si oppongono alla richiesta di Nami mentre Rufy, che continua ad essere percosso da Usopp, si rivolge a Momonosuke chiedendogli se egli è davvero il leader dei grandi samurai del Paese del Wano o solo un ricordo sbiadito del passato. Rimproverando a Momonosuke il suo carattere da piagnone, Rufy attira le ire di Nami che, insieme ad Usopp, inizia a schiaffeggiare il capitano ricordandogli che il piccolo lord è ancora un bambino e che rimproverarlo in questo modo non è una cosa "da adulti". Brook si offre di spiegare a Rufy che gli eredi di qualsiasi popolo, fino a quando non diventano adulti, non hanno compiti molto importanti da svolgere e Nami, cogliendo al volo l'occasione, si rivolge a Momonosuke dicendogli che il loro capitano è un uomo "perfido" e che lei sarà sempre a suo fianco! Ovviamente Nami lo fa solo per i soldi e Brook, che ha capito esattamente le intenzioni della sua navigatrice, dice che anche il comportamento della ragazza non è quello di un adulto onesto e responsabile. Ma le parole di Rufy sembrano aver colpito Momonosuke che, asciugandosi le lacrime, ricorda quando il Paese del Wano è stato attaccato da Kaido. Frammenti di ricordi si riaffacciano nella memoria di Momonosuke che, stringendo con forza i pantaloni del suo kimono per la rabbia, urla a Rufy che lui vuole sconfiggere Kaido a tutti i costi!

Momonosuke vuole che Kaido paghi per quello che fatto al suo popolo e alla sua famiglia, rivelando a Rufy che anche sua madre è caduta vittima della violenza degli uomini dell'Imperatore Pirata. Desiderando di diventare un adulto forte tanto da essere in grado di proteggere i suoi servitori, Momonosuke dice a Rufy che lui è ancora piccolo e che quindi non può essere di nessun aiuto, ed è per questo che ha bisogno del supporto dei Mugiwara per trovare la giusta vendetta. Momonosuke si inginocchia quindi davanti a Rufy e il pirata, dicendo che ora va meglio, porge la mano al piccolo samurai proponendogli formalmente un'alleanza che avrà come unico scopo quello di sconfiggere Kaido! Momonosuke sorride felice e, presa la mano di Rufy con entrambe le sue piccole mani, il piccolo lord ringrazia il pirata per la promessa che ha appena pronunciato. Rufy, seccato, dice a Momonosuke di stringere e scuotere la sua mano, mentre tutti sorridono nel vedere come solo il capitano dei Mugiwara è stato in grado di giudicare il piccolo lord del Paese del Wano come un adulto sin dall'inizio! Incuriosito e visibilmente seccato dalle parole di Rufy, Law chiede al suo alleato se la lealtà nei suoi confronti è rimasta oppure no, ricevendo come risposta una specie di domanda "elusiva" che lo manda su tutte le furie! A parte questo siparietto comico, ormai l'alleanza tra pirati, visoni e samurai è siglata, anche se Rufy vuole chiamare questa nuova formazione "l'alleanza ninja-pirati-visoni"!

Rufy ci tiene a ricordare ai suoi nuovi alleati che nessuno deve inchinarsi davanti a lui, perché essere alleati vuol dire essere amici, suscitando qui le ire di Law (che, come sempre, sembra non approvare il concetto di "alleanza" espresso da Rufy. Ma prima di formalizzare la cosa, Rufy pone ai futuri alleati una condizione, cosa che non viene vista di buon occhio dallo scaltro Raizo. Rufy ricorda a tutti che manca un uomo molto importante della sua ciurma, una persona che vale almeno 1.000 uomini e che, come tutti sanno, al momento è "irreperibile". Rufy si riferisce ovviamente a Sanji e Canistrice, che non sapeva niente della cosa, viene rimproverato da Gattovipera per il fatto d'aver dormito per parecchi giorni dopo l'attacco di Jack. Rufy sa bene che deve andare nel covo di Big Mom per riportare indietro Sanji e, fino a quando lui non sarà tornato, chiede ai visoni e ai samurai di aspettarlo e di non combinare guai. Canistrice chiede a Rufy se è davvero sicuro di quello che sta facendo e il ragazzo, che vuole andare lì senza farsi notare da Big Mom, risponde che fino a quando ci sarà Peko-vipera con lui non avrà niente da temere...

Intanto, nel distretto residenziale dei Guardians, Pedro e gli altri parlano di cosa è successo in passato tra Canistrice e Gattovipera e, felici per come si sono rimesse a posto le cose, i nostri preparano un gran banchetto per festeggiare la riappacificazione dei due regnanti. Ma sembra che, in qualche modo, i Mugiwara siano "scomparsi"...

Poco fuori Zou, nelle acque vicino all'enorme isola-elefante, delle navi pirata avvistano la patria dei visoni. Sono le navi di Jack che, rivolgendosi a Sheephead, chiede a questo come mai ha accettato di tornare da lui dicendogli semplicemente che Raizo non si trova a Zou. Il sottoposto di Jack sembra malmesso e il capitano di Kaido, visibilmente irato dalla risposta di Sheephead, dice a questo che tornando da lui avrà dato modo ai visoni lievemente feriti di organizzarsi e di curare quelli che sono sopravvissuti al gas velenoso e alle torture. Nessuno vuole rivelare a Jack che sono stati cacciati dall'isola dai Mugiwara, quindi il capitano non sa nulla di cosa è successo a Zou dopo che lui se n'è andato. Jack vuole tornare a Zou a finire il lavoro che ha iniziato e, considerando la compassione una "cosa problematica", il pirata lascia intendere che vuole sterminare tutti i visoni sopravvissuti, perché "i morti non cercano vendetta". Uno dei suoi uomini propone di attaccare i visoni ora che sono indeboliti, ma Jack non vuole sprecare tempo e risorse inutilmente. E cosa può fare Jack di concreto per risolvere il "problema visoni" una volta per tutte? Semplice: abbattere l'elefante Zou!

via | Mangahelpers

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.