Romics 2016, I figli del capitano Grant di Alexis Nesme è il Miglior Libro di scuola Europea

I figli del capitano Grant, il fumetto ad opera di Alexis Nesme, ha ricevuto il premio per il Miglior Libro di scuola Europea in occasione del Romics 2016.

I figli del capitano Grant

Il Romics 2016 si è concluso da pochi giorni, ed in occasione di questo evento fumettaro, è stato premiato il talento di un autore francese di tutto rispetto, ovvero Alexis Nesme. Quest’ultimo ha infatti ottenuto un premio per la sua opera a fumetti “I figli del capitano Grant”, opera che si è aggiudicata l’ambito premio per il "Miglior Libro di scuola Europea". E’ senza dubbio un graditissimo successo quello riscosso non solo dall’autore francese, ma anche dalla Tunuè, che ha pubblicato l’opera nella collana Tipitondi. A giudicare il fumetto, in occasione della XIX edizione del Romics, è stata una giuria composta da Moreno Burattini, Albertino ed Enrico Fornaroli, i quali hanno stabilito che l’opera di Nesme rappresenta senz’altro il miglior volume europeo di quest’anno.

Ma quale sarà la trama di questo fortunato libro a fumetti? Come molti di voi sapranno, “I figli del capitano Grant” rappresenta una trasposizione a fumetti ispirata al famoso lavoro dello scrittore francese Jules Verne, il romanzo d’avventura "Les enfants du capitaine Grant", pubblicato nel 1867.

In questo adattamento seguiamo dunque l’avventuroso ed esaltante viaggio per mari intrapreso dai nostri protagonisti, i quali si mettono alla ricerca dei sopravvissuti a un naufragio; quella realizzata dall’artista francese è stata un’opera davvero importante, poiché riportare “graficamente” le avventure narrate nel romanzo è stato un lavoro senza dubbio complesso. Nonostante ciò, in “I figli del capitano Grant” il risultato è davvero scorrevole; l’autore ha infatti saputo realizzare un’opera che cattura immediatamente il lettore, portandolo con sé in questa splendida avventura.

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.