Le migliori graphic novel da leggere: 10 opere da non perdere

Quali sono le graphic novel imperdibili?

migliori-10-graphic-novel.jpg

Quali sono le 10 graphic novel da non perdere?

Per prima nomino Il Nao di Brown, opera di Glyn Dillon, pubblicata per la Bao Publishing. La storia è raccontata in prima persona: si tratta di una fanciulla con alcuni problemi psichici. Le esperienze, anche quelle belle, per lei sono non solo fonte di felicità ma, allo stesso tempo, di preoccupazioni e problemi. Un nuovo lavoro, una relazione sentimentale: come si inseriranno queste cose nell'arco della sua vita?

Blankets è una graphic novel scritta e disegnata da Craig Thompson, in Italia per Coconino Press. La vicenda è autobiografica e ci spiega cosa significa crescere in una famiglia cristiana evangelica là dove la religione influenza il protagonista fino a che non si l'età adulta.

I kill Giants è un'opera di Joe Kelly, pubblicata in Italia per la Bao Publishing. La protagonista della vicenda è la piccola Barbara Thorson, classe quinta elementare, ama i giochi di ruolo ed è abbastanza asociale. Come molti bambini ha una fantasia eccezionale ed è certa del fatto che i giganti esistano e stiano per arrivare nella sua città distruggendo tutto. Per fortuna lei ha un'arma per combatterli: il famoso martello Coveleski.

Lo scontro quotidiano di Larcenet Manu è pubblicato in Italia da Coconino Press. Un racconto "normale" che ci parla del quotidiano, dei momenti di felicità e di quelli di tristezza. Il protagonista si è trasferito in campagna, ha lasciato il lavoro, ha smesso di andare dallo psicanalista e desidera stare sereno e tranquillo nella sua casetta. Va d'accordo con i genitori che vivono lontani, ha un fratello con cui è in buoni rapporti ma a sconvolgere la sua quotidianità ci pensa la veterinaria del paesino in cui vive.

Come prima è una graphic novel di Alfred, pubblicata dalla Bao Publishing. Due fratelli si ritrovano dopo lungo tempo: ognuno ha anni di esperienze alle spalle. Col tempo e con le parole tornerà tutto al suo posto, in una splendida e ben tratteggiata atmosfera dell'Italia degli anni '50.

Fun Home è di Bechdel Alison pubblicato dalla Rizzoli Lizard. La protagonista è Alison, giovane che ha amato suo padre ma, allo stesso tempo lo ha temuto. Un uomo perfezionista, che ha sostituito l'affetto con l'arte. I due potrebbero finalmente trovare un punto di contatto ma l'uomo sfortunatamente viene a mancare e ora non ne resta che la memoria.

Arriviamo a Anya e il suo Fantasma, di Vera Brosgol, edito dalla Bao Publishing. Anya non ha molti amici, è una figlia di immigrati e a scuola ha diverse difficoltà relazionali. Ha una cotta per un ragazzo che non la considera e la sua vita è abbastanza triste. Un giorno però fa amicizia con una bambina di nome Emily, peccato che questa bimba sia morta quasi un secolo prima. Il tempo passa e Emily inizia a cambiare: Anya vuole quindi scoprire come mai Emily è morta e in che occasione.

Qualcosa di diverso: Sock Monkey – Treasury di Tony Millionaire per le Edizioni BD. Storie surreali, vissute da una scimmia ricavata da una calza e dal suo amico Sir Corvo. I due vivono in un maniero vittoriano costruendo storie in mondi assurdi e onirici. Un volumetto di pregio, bello sia graficamente che dal punto di vista delle storie narrate.

Bè, se il tema interessa cito anche From Hell, di Alan Moore e Eddie Campbell, edito in Italia per la Magic Press. L'opera è di genere horror improntata sui delitti di Jack lo squartatore.

Infine arriviamo a Quaderni giapponesi, di Igort, pubblicato dalla Coconino Press. Graficamente impeccabile, l'autore ci parla della sua esperienza quando ha vissuto, all'inizio degli anni '90, in Giappone. Chi va in Giappone, non c'è niente da fare, non può far altro che portarselo dentro poi per sempre.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.