Captain America: Steve Rogers #1, è sold out l'albo più criticato dell'anno

I tanti attacchi feroci a Captain America: Steve Rogers #1 hanno fatto felice la Marvel: l'albo è già esaurito!

capitan-america-1-hail-hydra-marvel-1.jpg

Captain America: Steve Rogers #1 è un fumetto che ricorderemo per sempre. La Marvel Comics ha sfidato i suoi stessi lettori, ma alla fine da questa battaglia ne è uscita al momento vincitrice. Infatti, l'albo è già sold out e sarà presto ristampato.

Captain America: Steve Rogers #1 è andato esaurito in pochi giorni, dopo aver scatenato il caos su tutti i social network, diventando un vero e proprio caso mediatico, finito sotto i riflettori delle più importanti testate giornalistiche. L'accostamento di Steve Rogers all'Hydra non è piaciuto ai fan storici ed in tanti hanno reagito malissimo, anche violentemente (c'è chi è arrivato a bruciare stupidamente l'albo).

La Casa delle Idee sa bene che, in un modo o nell'altro, lo sceneggiatore Nick Spencer ed il disegnatore Jesus Saiz chiariranno presto tutti gli aspetti di questa incresciosa situazione che ha coinvolto il Capitano. Nel frattempo ha ottenuto due grossi risultati: vendere tutte le copie di Captain America: Steve Rogers #1 e oscurare il rilancio Rebirth della Dc Comics. La ristampa del fumetto uscirà il 6 luglio 2016 con tre variant cover.

La rivincita totale di Steve Rogers

L'operazione commerciale della Marvel è riuscita al 100%. I lettori, anche la maggior parte di coloro che si sono sentiti traditi, cercheranno tutte le risposte nei prossimi numeri della miniserie, quindi dando ulteriori soddisfazioni all'editore. Il nostro consiglio resta quello di non fermarsi mai al primo numero di una miniserie, soprattutto quando c'è in gioco la reputazione, la storia, la credibilità di uno dei personaggi più importanti del Marvel Universe.

E' necessario mettere da parte i sentimenti di rabbia e continuare a leggere, confidando nel "cuore patriottico" di "Mamma Marvel"!

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.