One Piece, spoiler capitolo 841

Capitolo veramente intenso questo 841 di One Piece dove, tra emozioni e ricordi, Eiichiro Oda riesce anche a trovare lo spazio per un cliffanger molto, molto gustoso!

Come sempre, ricordiamo a tutti i lettori italiani di non proseguire nella lettura mentre, se seguite la serializzazione giapponese di One Piece, potete tranquillamente usufruire delle nostre anticipazioni.

Dopo il salto troverete il link di rimando al capitolo 840 e le prime indiscrezioni (confermate e con immagini) del capitolo 841.

Riassunto e spoiler capitolo 840 (link)

Spoiler capitolo 841

one-piece-eiichiro-oda-color-illustration-shonen-jump.jpg

I cuochi della cucina del Germa parlottano tra loro in merito a un ragazzo che, ogni giorno, si reca da loro per prelevare delle prelibatezze da portare a qualcuno di cui nessuno sa il nome. La cosa dura ormai da sei mesi, e alcuni si chiedono se nel Palazzo Reale si stia nascondendo una specie di qualche rifugiato famoso. Uno dei cuochi più anziani dice ai ragazzi di non pensarci troppo e di continuare a cucinare, anche perché il loro lavoro è solo quello di eseguire gli ordini del Re. Ma i ragazzi non riescono proprio a non pensarci e, avendo udito una vocina stridula urlare dalle prigioni, alcuni pensano che il Re potrebbe nascondere un'amante misteriosa! Il cuoco anziano, stanco delle chiacchiere, ripete a tutti di stare zitti e di tornare a lavoro...

I cuochi non possono immaginare che il cibo prelevato dal soldato è destinato a Sanji che, mentre i suoi fratelli continuano a migliorare le loro abilità (per la gioia di Judge), è costretto a vivere con una maschera di ferro che gli viene rimossa solo quando deve mangiare. E mentre Judge coccola i suoi figli prediletti, Sanji ripensa a quando ha iniziato a cucinare e ai guai che ha fatto passare ai cuochi della cucina reale. Cuochi che dovevano assistere Sanji mentre questo cercava di preparare dei piatti da servire a sua madre che, stando ai ricordi del bambino, viveva con loro all'interno del Regno del Germa. Una madre molto malata a cui Sanji, in un giorno di pioggia, decise di portare del cibo cucinato con le sue mani, superando mille difficoltà (tra cui un cane molto aggressivo) ed evitando accuratamente che suo padre lo venisse a sapere. Arrivato negli alloggi della madre, una delle cameriere prova a convincere Sanji che il cibo da servire alla malata è selezionato accuratamente, e che loro non possono servire nulla di diverso. Ma la cameriera, notando che il cibo preparato da Sanji ha davvero un bell'aspetto, prova comunque ad assaggiarlo per vedere se è buono da mangiare oppure no. Ovviamente il cibo, bagnato dalla pioggia e mischiato per via del piccolo combattimento tra Sanji e il cane, non ha affatto un buon sapore, e la cameriera non fa nulla per nasconderlo (la vignetta è davvero molto comica, fidatevi)! Sanji sembra un po' deluso, ma prova comunque a servire alla madre il suo cibo e la donna, felice di poter assaggiare qualcosa preparato dalle mani del principino, dice alla cameriera che da quel giorno in poi mangerà sempre quello che Sanji le preparerà! La madre di Sanji mangia tutto con avidità e, nonostante il figlio provi a scusarsi per il brutto sapore e tutto il resto, la donna sorride dicendo che era tutto buonissimo. Sanji e la cameriera rimangono senza parole e, sempre sorridendo, la madre chiede al figlio se può cucinare ancora per lei...

Per combattere la noia della prigionia, Sanji chiede ai soldati se possono portagli degli utensili da cucina e dei libri, che vengono consegnati al bambino senza troppi problemi. Ed è proprio da uno di questi libri che Sanji apprende dell'esistenza del famoso All Blue, luogo in cui confluiscono tutti e quattro i mari di One Piece e dove, come sappiamo, è possibile trovare ogni specie di pesce al mondo. Ma gli studi di Sanji vengono interrotti dalle irruzioni dei suoi fratelli che, scoperto dove Judge tiene prigioniero il bambino, entrano nella sua cella per pestarlo e ricordargli che lui è un "totale fallimento". I metodi dei tre fratelli non piacciono a Reiju, ma la bambina non vuole prendere le parti di Sanji perché diventerebbe lei il bersaglio della rabbia di Ichiji, Niji e Yonji. Reiji spiega a Sanji che "quei tre" sono così perché Judge li ha "plasmati" affinché potessero diventare i guerrieri perfetti che suo padre ha sempre sognato. Guerrieri a cui Reiju non vuole assomigliare, anche se persino su di lei le "modifiche" sono andate a buon fine. Prima di andarsene, Reiju dice a Sanji una cosa molto importante: presto le navi del Germa seguiranno la Rotta Maggiore fino ad arrivare al Mare Orientale, dove Judge ha in mente di combattere una qualche strana guerra. Il viaggio dura ben tre settimane e Sanji, che deve subire le costanti angherie dei fratelli, rivela a Reiju che ha intenzione di diventare un cuoco (cosa che, a quanto pare, non sembra interessare alla sorella).

Arrivati nel Mare Orientale, Judge e i suoi uomini devo fare i conti con i kotziani, che vengono attaccati dal Germa senza troppi complimenti. Ed è proprio durante questo attacco che Sanji, parlando con Reiju, confida alla sorella che se riuscisse a scappare non vedrebbe mai più il volto di suo padre. Sanji piange e Reiju, commossa per via della sofferenza che sta provando il fratellino, usa la sua forza per piegare le sbarre della prigione! Sanji può finalmente scappare e Reiju, sapendo che il fratello non avrà un'occasione migliore di questa, esorta il piccolo a farsi forza e a fuggire. E così, mentre i soldati del Germa combattono contro l'esercito del Kotzia, Sanji riesce ad intrufolarsi nella stanza di Judge per prendere la chiave della sua maschera. Judge lo vede e, per nulla arrabbiato, il padre dice al figlio di non ricordare quando gli ha dato il permesso di uscire dalla sua prigione. Ovviamente quella di Judge è una domanda retorica e Sanji, per nulla intimorito, risponde dicendo che lui se ne vuole andare dal castello, e che nessuno lo fermerà...nemmeno Judge in persona! Judge pensa che la prigionia abbia avuto degli effetti negativi su Sanji che, a quanto pare, non ha ancora capito di essere diventato un "cittadino comune" come tutti gli altri. Una persona che non ha nessuna possibilità di sopravvivere alla dura realtà di questo mondo. Ma a Sanji non interessa quello che pensa Judge e, impugnato un coltello, il bambino è pronto a difendersi con tutte le sue forze. Ma in realtà, le parole di Sanji suonano quasi come una musica nelle orecchie di Judge...

Pur impegnandosi con tutto se stesso, l'umanità presente nell'animo nero di Judge non gli permetteva di disfarsi personalmente di Sanji. Lo stesso Sanji che ora spera di fuggire nel bel mezzo di una guerra. Judge dice quindi a Sanji che lui non lo fermerà ed anzi, gli permetterà persino di prendere la chiave per liberarsi dalla maschera di ferro. Tuttavia, Judge chiede a Sanji un'ultima cosa: mai, per il resto della sua vita, Sanji dovrà dire di essere figlio di Judge, perché lui è l'unico fallimento di cui l'uomo si vergogna! Parole fortissime e molto cattive, quelle di Judge, che fanno piangere di disperazione Sanji. Parole udite anche da Reiju che, sentendo con quanta durezza è stato trattato il fratellino, non può far a meno di piangere per lui.

Uscito all'esterno, Sanji viene esortato da Reiju a salire su una nave da crociera che sia il Germa che i kotziani non hanno intenzione di attaccare. Prima di salutare il fratellino, Reiju dice a Sanji che non potrà tornare mai più nel Regno del Germa, ma che nel mondo ci sarà sicuramente qualcuno che lo tratterà con il rispetto che merita. Dicendogli di non voltarsi, Reiju saluta per l'ultima volta Sanji, che parte così alla ricerca della sua strada...

Si torna al presente dove, come ricordate, Sanji le ha prese di santa ragione da Niji. I medici del Germa provano a curare le ferite di Sanji quando Reiju, con un ordine perentorio, chiede a questi di spostarsi. Guardandolo in faccia, Reiju chiede a Sanji se questo è il volto di un uomo che sta per incontrare la sua fidanzata. Reiju dice a Sanji che si è fatto pestare solo per salvare la vita del proprietario del ristorante per cui lavorava, chiedendogli perché gli importa così tanto della vita di quell'uomo e ben sapendo che, tornando al Germa, le cose sarebbero andate esattamente così. E Reiju, come abbiamo visto, sa bene che a Sanji il Germa rievoca i ricordi più brutti della sua esistenza...

L'azione si sposta nuovamente nella Foresta Tentatrice dove, informati da una didascalia di Eiichiro Oda, scopriamo che lo scontro tra Rufy e Cracker sta durando da ben 11 ore! Uno scontro assurdo, tra l'altro, perché scopriamo che Rufy sta mangiando tutti i soldati biscotto che Cracker sta creando con i suoi poteri! Diventato "ciccione" per via del troppo cibo ingurgitato, Rufy sembra praticamente sazio e Cracker, indebolito ed infastidito, non riesce proprio a capire come mai il pirata stia attuando una strategia basata sul correre e mangiare. Nami nota che, a quanto pare, l'abilità di cui Cracker si vanta (ovvero quella di creare infiniti biscotti) corrisponde al vero, e si chiede fino a quando Rufy ce la farà a mangiare tutto quello che il nemico gli lancerà contro. Rufy sa bene che, prima o poi, Cracker si stancherà, ed è proprio quello il momento in cui lui lo attaccherà. Ma vedendo in che condizioni è ridotto Rufy, Cracker pensa che il pirata scoppierà prima che lui sarà stanco. Peccato che Cracker non ha capito la determinazione di Rufy, che non si farà certo fermare da qualche biscotto: lui vuole rivedere Sanji, ed è disposto a tutto per farlo!

via | Mangahelpers

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.