Comics Medicine: Navigating the margin. I fumetti devono aiutare i malati

fumetti medici

I fumetti hanno un potere grandioso se usati nella maniera giusta!

Ecco perché qualcuno ha deciso di portare la Nona Arte in corsia, andando incontro ai medici ed ai loro pazienti. Alcuni esperti si sono riuniti durante il congresso internazionale Comics Medicine: Navigating the margin che si è svolto a Toronto (Canada) e sono stati d'accordo ne ritenere i fumetti utili per agevolare la comunicazione tra medico e paziente e tra medico e carevigers. Uno dei problemi principali che può far deteriorare il rapporto tra il medico e il paziente è proprio la mancanza di comunicazione che negli anni viene accentuata da una crescente diffidenza nel prossimo. Ian Williams,organizzatore del congresso e disegnatore di fumetti medici, considera i fumetti un'arma utile contro ogni barriera e con la forza di toccare i cuori della gente.

Durante la convention è stata analizzata l’opera Comic Nurse, di Mary Kay Czerwiec, fumettista con un'esperienza di infermiera. L'artista è diventata docente di disegno medico e si diletta a pubblicare una striscia dove raccontare esempi di vita reali legati alla sua ex attività, quando era in corsia pronta ad affrontare le mille difficoltà quotidiane. Un altro fumetto finito sotto i riflettori è quello di Ian Roberts della London School of Hygiene & Tropical Medicine.
Questo autore usa la Nona Arte come strumento didattico e spiega a medici e paramedici come mettere in pratica le più innovative tecniche di gestione del paziente con emorragia. Nel futuro vedremo sempre più opere educative, dove si affrontano problemi legati al Parkinson, all'alcolismo o dove si cerca di spronare i giovani medici ad essere più tolleranti verso le diversità, per evitare discriminazioni e combattere i pregiudizi.

https://magazine.paginemediche.it/it/365/il-punto-di-vista/medicina-generale/detail_182940_fumetti-in-corsia-per-aiutare-medici-e-pazienti.aspx?c1=50

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.