Paperinik Appgrade - Il primo magazine apparentemente digitale

disney

Non esiste un supereroe più divertente di Paperinik!

Finalmente la Disney ha deciso di riportare le sue avventure in edicola! Da ieri 6 ottobre potete trovare il mensile a fumetti Paperinik Appgrade. Ci è stato spiegato che la parola Appgrade è una parodizzazione di upgrade, poiché ci troviamo di fronte al primo magazine apparentemente digitale, che si muove nel mondo delle app! Nel giornale troverete le storie sul personaggio creato nel 1969 da Elisa Penna: è previsto un episodio inedito per ogni numero, accompagnato da alcuni episodi cult. Nella prima uscita non poteva mancare la storica storia “Paperinik il diabolico vendicatore” (by Guido Martina e Giovan Battista Carpi, pubblicata in due puntate sui numeri 706 e 707 dell’8 e 15 giugno 1969 di Topolino). Il termine App è stato scelto per essere il filo conduttore tra le varie rubriche del magazine: BackApp, che racconta il backstage della storia inedita, con disegni preparatori e interviste agli autori; StarApp, l’oroscopo del supereroe; BreakApp, giochi e test a tema; PkApp, una moderna pagina della posta, destinata alla relazione con i lettori e, infine, “Il mondo di PKApp”, una vignetta umoristica nella quale Paperinik è alle prese con il mondo dei new media e lo commenta con ironia.

Date un'occhiata al nuovo sito, www.paperinikmagazine.it, dove saranno inserite tante news sul personaggio, ma anche tanti speciali per intrattenere i visitatori. Scheda: Formato 13,7 x 19,5 cm; Pagine 240 + cover; Prezzo: euro 3,20; Periodicità: mensile.

Dal comunicato:

Paperinik nasce nel 1969 da un’idea di Elisa Penna, allora caporedattore di Topolino, la quale insieme a Martina e Carpi, regala a Paolino Paperino un’identità segreta per combattere la routine di tutti i giorni e vivere avventure fuori dagli schemi. Il personaggio di Paperinik si ispira agli eroi mascherati statunitensi privi di poteri come Batman e ai personaggi classici del romanzo d’appendice francese come Rocambole, Arsenio Lupin e Fantomas, facendo il verso a Diabolik. Ma soprattutto si ispira a una parodia in chiave comica di quest’ultimo: Dorellik, un supereroe pasticcione interpretato da Johnny Dorelli nello show televisivo del 1967 “Johnny Sera”.

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.