Le Suore Ninja della Star Comics sbarcano a Lucca

star comics

L'ateismo dilaga e per questo la Chiesa ha bisogno di nuove armi per diffondere il proprio credo.

Star Comics ha una soluzione: Suore Ninja! Effettivamente questo è il titolo di una nuova produzione che verrà presentata durante Lucca Comics and Games 2012, attraverso la diffusione di un numero zero. Il 2 Novembre, dalle ore 11.00 alle 12.00, presso la Camera di Commercio 2 - Sala dell’oro, ci sarà la presentazione in anteprima assoluta del numero ZERO di Suore Ninja, mini serie inedita in sei volumi di Davide La Rosa e Vanessa Cardinali. Il primo numero verrà rilasciato poi a Marzo 2013. Per adesso possiamo dirvi che Suore Ninja è uno spin-off del volume autoconclusivo Zombie gay in Vaticano (presentato dai due autori durante la scorsa edizione di Lucca Comics e andato esaurito in poche ore). I tre bizzarri personaggi di quella pubblicazione hanno ottenuto una promozione, diventando così i protagonisti assoluti di un progetto tutto nuovo, ironico, irriverente, dissacrante. Il numero zero sarà regalato a coloro che lo richiederanno durante la manifestazione!

Sinossi: Nel 1494, Papa Alessandro VI creò in segreto una task force con l’intento di sgominare tutti i nemici che minacciavano la Chiesa. Un gruppo di guerriere formato da suore dall’aspetto innocuo, ma capaci di prendere a calci e bastonate qualsiasi mostruosità minacciasse il Vaticano.

Le prime testimonianze di questa setta segreta si hanno negli archivi vaticani, in una conversazione tra l'allora Papa Innocenzo XI ed il frate Guglielmo Maggi della diocesi di Como, sul Messaggerus Istantanus, la chat vaticana che fu bandita perché considerata uno strumento demoniaco:

Innocenzo XI: ...ora ti dico una cosa ma devi promettere che non lo rivelerai a nessuno.
Guglielmo34: Giuro su Dio!
Innocenzo XI: Troppo facile giurare su Dio... quello mica muore. Comunque ok. Ti ricordi quella storia su Papa Urbano VIII?
...continua...

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.