Kick-Ass 2 n.4 - Recensione breve

panini comics

Volete far i supereroi? Accomodatevi pure!

Questo è l'invito finale di Mark Millar che nell'ultima pagina del secondo capitolo di Kick-Ass dimostra che nella realtà non c'è spazio per l'immagine dell'uomo in calzamaglia che aiuta la giustizia a prevalere sul male. O agisci secondo le regole o meriti una punizione severa. A nulla serve l'incitamento della gente comune che tanto apprezza il sacrificio di pochi coraggiosi. Le forze dell'ordine sono l'organizzazione più spietata. Millar è severo, ma lo ancor di più con la macchina da guerra chiamata Hit-Girl, che esce dalla scena con le ossa rotte e non solo. L'atto finale di Kick-Ass 2 è composto da elementi di violenza estrema e punti di riflessione che si focalizzano sulla nobiltà d'animo dei protagonisti. Purtroppo lo show si conclude in poche pagine, quando avrebbe meritato un po' più di spazio per conoscere meglio personaggi secondari (buoni o cattivi che siano). Millar conforta il suo pubblico perché è facilmente intuibile che nulla è finito e ben presto il giovane Kick-Ass (sottotono in questo secondo capitolo) e tutta la banda di pseudo-supereroi tornerà a ripristinare l'ordine per le strade di New York, trascinandosi dietro il solito caos. Ovviamente pretendiamo per ogni eventuale nuova stagione il caro John Romita Jr. che è fondamentale per mantenere l'identità dell'opera grazie alle suo stile tutto personale e la sua tecnica da maestro.

Scheda: PANINI COMICS PRESENTA 30KICK ASS 2 4 (DI 4)17x26, B., 48 pp., col. Contiene: Kick-Ass 2 #7PANINI COMICSprezzo: € 3.00. Dettaglio: Kick-Ass contro Mother Fucker e Hit-Girl faccia a faccia con Madre Russia: è la resa dei conti! Supereroi contro supercriminali a New York nell’incredibile conclusione della saga! Il congedo bagnato nel sangue di Millar (Superior) e Romita Jr. (Avengers) con dietro le quinte extra di tutta la miniserie.

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.