Alda Merini in graphic novel, la poetessa omaggiata da Silvia Rocchi

Quando la poesia incontra il fumetto nascono opere come quella di Silvia Rocchi.

silvia rocchi

Ci troviamo di fronte a Ci sono notti che non accadono mai. Canto a fumetti per Alda Merini. Becco Giallo ha prodotto un graphic novel dal gusto tutto speciale, dedicato al grande mondo della poesia e, in particolare, all'autrice geniale Alda Merini (Milano, 21 marzo 1931 – Milano, 1º novembre 2009). L'opera è di Silvia Rocchi, pittrice ed illustratrice che oggi vive a Bologna, dopo aver studiato a lungo a Firenze. La Rocchi dal 2009 è legata al collettivo “La Trama”, una piccola realtà all’interno dell’autoproduzione di fumetti bolognese. La sua opera viene descritta come "un racconto visivo a doppio binario, modellato sulla vita e sui versi della Poetessa dei navigli, per un intimo e appassionato omaggio d'autore".

Il volume ha le seguenti caratteristiche: 128 pagine, brossura con sovraccoperta, colori. Nella sinossi leggiamo: Alda Merini è dipinta senza volto. Si muove tra le mura di casa, scende per le vie di Milano alla ricerca del calore di un contatto. E insieme c'è un'altra Merini - di nuovo immaginata - che si trascina collina dopo collina per conoscere da vicino amore, violenza e pietà. Grafite, colori, parole e visioni costruiscono un intimo e appassionato omaggio d'autore. Cliccate qui per un'anteprima o per ordinare l'albo.

Questo libro è ideale per conoscere l'illustre poetessa attraverso la potenza artistica di una pittrice elegante e raffinata, che si è impegnata a comunicare i pensieri più profondi di una grande donna attraverso uno stile semplice e puro. Non a caso la casa editrice ha contattato Silvia Rocchi, artista in grado di rispettare pienamente la dolcezza e la forza dei versi della scrittrice che ha conquistato con la sua saggezza e la sua sofferenza i giovani di oggi. I fan di Alda Merini ameranno questo omaggio!

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.